Cura per l’epatite B

L’epatite B è un’infezione che può guarire dopo poco tempo. Può diventare cronica e causare seri problemi. La terapia è fondamentale per evitare complicazioni. La cura per l’epatite B deve essere sempre decisa col medico.

Vediamo subito come curare l’epatite B.

Il trattamento dell’infezione da epatite B dipende da quanto è attivo il virus e dal rischio di danni al fegato, come la cirrosi. Ecco i punti chiave su terapie, cure naturali e dieta.

cura per epatite B

Indice articolo

 

Terapia per l’epatite B acuta (a breve termine)

La cura per l’epatite B acuta varia in base a:

  • Quando sei stato infettato dal virus
  • Quali sintomi d’infezione acuta hai
  • Rischio di un’infezione cronica

Se non hai il vaccino contro l’epatite B e pensi di esserti esposto al virus, dovresti fare una dose di immunoglobulina anti-epatite B (HBIG) e il primo dei tre vaccini contro l’epatite B. È importante farlo entro 7 giorni dopo una puntura d’ago ed entro 2 settimane dopo un rapporto sessuale che potrebbe averti esposto al virus. Prima si fa il trattamento, migliore sarà la prognosi.

Se hai sintomi di epatite B acuta, non sempre serve la terapia di farmaci antivirali. Lo stile di vita sano, come mangiare bene, bere molta acqua ed evitare alcol e droghe, di solito allevia i sintomi. Tuttavia bisogna sempre monitorare l’epatite B acuta perché può diventare un’epatite fulminante, spesso mortale.

In alcuni casi di infezione acuta, possono servire i farmaci.

 

Cura per l’epatite B cronica (a lungo termine)

La terapia dipende da quanto è attivo il virus e dal rischio di danni al fegato. L’obiettivo della terapia è di evitare danni epatici e di far moltiplicare il virus.

Si usano i farmaci antivirali se il virus è attivo e si rischiano danni al fegato. Il farmaco rallenta la crescita del virus.

La terapia antivirale non si usa con chiunque abbia l’epatite cronica B.

 

Visite di controllo

Che tu prenda farmaci o no, dovrai regolarmente fare esami del sangue per la funzionalità epatica e l’attività del virus dell’epatite B per evitare problemi al fegato. Inoltre devi evitare il contagio da altri virus (epatite A, epatite C, HIV)

Scopri l’offerta:
esami funzionalità epatica a Vittoria Ragusa

Farmaci usati nella cura per l’epatite B

La terapia farmacologica, a volte, non serve per l’epatite acuta B. I farmaci antivirali sono più usati per l’infezione cronica se il virus si sta moltiplicando. I medicinali sono utili anche se hai problemi al fegato, come la cirrosi, o se puoi svilupparli.

Se hai già gravi danni al fegato la terapia antivirale potrebbe non essere d’aiuto.

Nella scelta di chi trattare, bisogna sempre prendere in considerazione gli effetti collaterali dei farmaci contro l’epatite B cronica.

È importante valutare i benefici del trattamento per l’epatite B rispetto ai rischi.

 

Tipi di farmaci

Interferoni (IFN), come interferone e interferone peghilato

Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (nRTI) come adefovir, entecavir, lamivudina, telbivudina e tenofovir

 

Cosa sapere

Gli interferoni hanno effetti collaterali, come febbre, mal di testa e perdita dei capelli. Possono anche causare depressione o peggiorarla.

Causano un calo delle transaminasi preceduto da un picco. Infatti, se hai la cirrosi, non sempre puoi usare interferoni a causa del picco. Puoi usare invece adefovir, entecavir, lamivudina, telbivudina e tenofovir.

Dopo le terapie per l’epatite B, il virus potrebbe tornare (recidiva).

 

Trapianto di fegato

Non c’è un trattamento chirurgico per curare l’epatite B. L’epatite B può causare un’insufficienza epatica avanzata pericolosa per la vita. In questo caso, può essere necessario un trapianto di fegato. Il trapianto di fegato non è adatto a chiunque.

In rari casi, l’epatite B acuta evolve subito in insufficienza epatica, si tratta di epatite fulminante. Può essere mortale, il trapianto di fegato è la cura migliore.

 

Dieta per l’epatite b

Come già detto, la cura per l’epatite B deve essere sempre decisa col medico. Lo stile di vita e la dieta per l’epatite B aiutano ad alleviare i sintomi e prevenire la diffusione del virus HBV.

 

1 Alimenti nella dieta per l’epatite B

Mangia bene: epatite B e alimentazione

Anche se non hai fame, è importante mangiare bene. Spesso, la nausea e la mancanza di appetito peggiorano nel tempo. Prova a fare un pasto sostanzioso (ma non pesante) al mattino e pasti leggeri più leggeri durante il giorno.

Un tempo si consigliavano diete ipercaloriche e ricche de proteine. In realtà, è difficile da fare a causa della nausea.

La dieta per l’epatite B prevede:

  1. Cosa non mangiare con l’epatite B? È importante evitare cibo ‘spazzatura’. Alcol, frittura, dolci, snack, cibi di produzione industriale o molto lavorati spesso hanno calorie ‘vuote’ e sono poco nutrienti. Inoltre sono alimenti che sovraccaricano il fegato di lavoro.
  2. Anche gli alimenti grassi aumentano il lavoro del fegato. Ad esempio, evita:
    • carne rossa
    • maionese
    • salumi
    • formaggi stagionati
    • panna
    • burro
  3. Cosa mangiare? Importante invece aumentare il consumo di frutta e verdura. Lava bene i vegetali prima di mangiarli: i residui nocivi di sostanze chimiche sono difficili da filtrare per un fegato danneggiato.

 

2 Evita la disidratazione

È importante mantenere il corpo ben idratato se hai l’epatite B, soprattutto se hai vomito. Bevi molta acqua.

Se puoi, bevi succhi di frutta e brodo: sono nutrienti.

Alcune “bevande sportive” (isotoniche) aiutano ad integrare i minerali (elettroliti) persi con il vomito. Le trovi al supermercato o puoi prepararle a casa.

 

3 Evita alcol e droghe

Questo punto è fondamentale. Il fegato non riesce a metabolizzare alcol e droghe se hai l’epatite. Se quando hai l’epatite usi droghe o alcol, l’effetto è più potente e dura più a lungo. Inoltre aumentano i problemi al fegato.

 

4 Attenzione a farmaci e integratori

Se prendi farmaci da prescrizione, il medico potrebbe dirti di sospendere finché il fegato non è guarito. Informa il medico dei farmaci che assumi ma non smettere di prenderli senza il suo parere. Informalo anche di integratori, erbe o medicinali da banco che usi (anche paracetamolo: può avere controindicazioni).

Sono utili anche altre cure naturali per l’epatite B. Segui quindi anche questi accorgimenti:

 

Terapia domiciliare e cure naturali per l’epatite B

Per l’epatite B, la dieta insieme alle cure naturali e domiciliari, aiutano ad alleviare i sintomi e prevenire la diffusione del virus HBV.

 

Riposa

Riduci le attività in base alla tua energia. Non devi stare a letto, ma ascolta il tuo corpo. Fermati se sei stanco.

Se ti senti stanco a lavoro o a scuola, riduci il carico di lavoro.

Evita l’esercizio fisico intenso.

Quando inizi a stare meglio, torna lentamente alle normali attività. Se riprendi troppo presto, puoi avere ricadute.

 

Controlla il prurito

L’epatite a volte causa prurito. Quindi mantieni la pelle al fresco e al riparo dal sole, indossa indumenti di cotone. Puoi chiedere al medico se usare antistaminici.

 

Cerca supporto

Se ti è stata diagnosticata l’epatite B, rimani in contatto con amici e familiari. Non puoi diffondere l’epatite B con contatti casuali (abbracci o strette di mano), quindi non escluderti dalle persone che possono darti supporto.

 

Ferma l’evoluzione dell’epatite B

Con l’epatite B aumenta il rischio altre malattie come: cirrosi, epatite D, HIV e cancro al fegato. Queste condizioni aggravano la malattia e danneggiano il fegato. Per proteggerti, evita il contatto con sangue di sconosciuti: pratica rapporti protetti e non condividere aghi. Inoltre, se non l’hai già fatto, fai il test per l’epatite A e C e il vaccino per l’epatite A.

 

Evita di diffondere il virus se ce l’hai

Se sei già infetto, puoi evitare la diffusione del virus ad altri. Ad esempio:

  • non donare sangue
  • non condividere rasoi o altri articoli da rasatura o per l’igiene personale (limette, spazzolino).
  • dì al tuo partner che hai l’HBV e parla del rischio di trasmetterlo

Per altre informazioni sulla prevenzione, vedi:

Vaccino per epatite B

Epatite B: la trasmissione come avviene?

 

Quando chiamare un medico

Se una persona con epatite B diventa incosciente, chiama un medico o il 118.

Se hai l’epatite B, chiama subito un medico se sei molto disidratato o hai questi sintomi di insufficienza epatica:

  • Irritabilità
  • Difficoltà a ragionare
  • Grave sonnolenza
  • Gonfiore a gambe, braccia, piedi, mani, pancia o viso
  • Forte sanguinamento dal naso, dalla bocca o dal retto o se hai sangue nelle feci
  • Ematomi
  • Ittero: pelle e occhi gialli

Leggi: quando fare il test o vedere un medico?

Fonti
Harrison, Principi di Medicina Interna, McGraw Hill

Scrivi un Commento