Epatite B contagio e incubazione

L’epatite B è una malattia del fegato causata dall’infezione del virus dell’epatite B (HBV).  Il contagio avviene tramite sangue infetto, contatto sessuale o parentale. Basta una piccola quantità di sangue per trasmettere il virus. Il virus sopravvive fuori dall’organismo anche un mese. Vediamo meglio di capire come si trasmette l’epatite B e quando si è contagiosi.

Indice articolo

epatite B contagio incubazione

Epatite B, il contagio come avviene?

Il virus si trasmette se sangue o fluidi corporei (come sperma, liquidi vaginali, sangue mestruale, saliva o muco nasale) di una persona infetta entrano nel corpo di un’altra persona. Di solito succede tramite:

Rapporti sessuali. Il virus dell’epatite B può entrare nel corpo da piccole lesioni nel retto, nella vagina , nell’uretra (il tubo che trasporta l’urina fuori dal corpo) o nella bocca .

Condivisione di aghi o altri oggetti (come cotone, cucchiai e acqua) per l’iniezione di droghe.

Attività lavorative. Persone che maneggiano sangue o strumenti utilizzati per prelevarlo sono a rischio. Gli operatori sanitari o para sanitari sono a rischio di infezione se accidentalmente si pungono con aghi o altri strumenti usati per prelevare il sangue di una persona infetta. Anche schizzi di sangue sulle mucose, come gli occhi, la bocca o un taglio cutaneo possono causare la trasmissione.

Parto. La madre può contagiare il neonato. accade durante il parto quando il bambino entra in contatto con i fluidi corporei della madre. Ma con l’allattamento al seno donna non diffonde il virus al bambino.

Piercing e tatuaggi. Il virus può diffondersi se gli aghi usati per i piercing o i tatuaggi non sono sterilizzati e il sangue infetto entra nella pelle.

Oggetti per l’igiene personale. Oggetti per l’igiene personale come rasoi, lime e spazzolini da denti possono trasmettere il virus se hanno sangue infetto.

Spesso, in passato, la trasfusione di sangue causava contagio di epatite B. Anche i trapianti di organi potevano diffondere la malattia. Oggi, i donatori, il sangue e gli organi donati sono controllati. Quindi è raro infettarsi con una trasfusione di sangue o un trapianto di organi.
Resta aggiornato su offerte e novità! Segui la community social!

Come non si trasmette

L’epatite B non si contagia col contatto casuale come l’abbraccio, il bacio, lo starnuto, la saliva, con l’urina, la tosse o condividendo cibo o bevande. Tuttavia ci sono indicazioni non univoche. Ad esempio può avvenire il contagio dell’epatite B con la saliva di una persona infetta: tramite il bacio, se entrambi avete microlesioni e nella saliva c’è sangue infetto.

Cosa fare:

È comunque meglio evitare rapporti troppo stretti e contatto con fluidi corporei di persone infette, ad esempio se vivi con qualcuno con la malattia o devi fare un soggiorno in aree a rischio.

Per approfondire leggi:

Scopri l’offerta:
esami funzionalità epatica a Vittoria Ragusa

Fattori di rischio

Alcuni comportamenti e certi lavori ti mettono a rischio di epatite B.

I fattori di rischio del lavoro sono:

  • Lavori in cui si manipola sangue o fluidi corporei. Sono a rischio gli operatori sanitari e parasanitari, come medici, dentisti, infermieri e tecnici di laboratorio. Come anche necrofori e imbalsamatori.
  • Essere dipendente o residente di strutture per persone con disabilità.
  • Essere un operatore o un detenuto di una prigione.

I fattori di rischio dello stile di vita includono:

  • Essere nati o aver trascorso più di 6 mesi in aree in cui l’epatite B è comune o in cui c’è molta gente infetta. Queste aree sono il sud-est e il centro Asia, le isole del Sud Pacifico, il bacino del Rio delle Amazzoni, il Medio Oriente, l’Africa, l’Est Europa e la Cina.
  • Avere rapporti orali e anali.
  • Essere sessualmente attivi. In particolare, avere rapporti sessuali non protetti con qualcuno infettato dal virus o di cui non sai i precedenti rapporti.
  • Avere più di un partner. (Il rischio aumenta se hai altre malattie sessualmente trasmissibili, come la clamidia).
  • Vivere con qualcuno che ha un’infezione da epatite B cronica.
  • Fare piercing o tatuaggi da qualcuno che non sterilizza l’attrezzatura.
  • Condividere gli aghi o altre attrezzature (come cotone, cucchiai e acqua) per iniettare droghe.

Altri fattori sono:

  • Essere nato da una donna con epatite B (se al neonato non si dà subito il vaccino contro l’epatite B e l’immunoglobulina anti-epatite B). Ma l’allattamento al seno non contagia il virus al bambino.
  • Un problema di coagulazione del sangue, come l’emofilia, che richiede trasfusioni di piastrine o fattori di coagulazione.
  • L’insufficienza renale che richiede il filtraggio del sangue con un macchinario (emodialisi).

Epatite B: dovrei fare un test?

 

Epatite B incubazione e fase contagiosa

I sintomi di epatite B compaiono circa 3 mesi dopo l’infezione (è il periodo finestra anche detto incubazione). Ma possono comparire da 1 mese a 6 mesi dopo il contagio. Sangue, sperma e liquidi vaginali (anche secchi) sono molto contagiosi in questa fase e nelle settimane dopo l’inizio dei sintomi.

Se hai un’infezione a breve termine (acuta) e il corpo ha iniziato a produrre anticorpi, di solito, non puoi contagiare il virus. Questi anticorpi in genere compaiono dopo alcune settimane. Se hai un’infezione a lungo termine (cronica), l’epatite B è contagiosa e puoi diffondere il virus finché l’infezione è attiva.

Fonti
Harrison, Principi di Medicina Interna, McGraw Hill

Scrivi un Commento