Sodio nel sangue (Na) – sodiemia

A volte può capitare di sentirsi stanchi, senza energia e confusi. Sono sintomi del sodio basso o del sodio alto. Potrebbe essere per via del caldo o di un allenamento intenso. Ma il sodio alto e basso può essere causato da farmaci, glicemia alta, problemi ai reni, alla tiroide, ecc. Un esame del sodio misura la quantità di sodio nel sangue (sodiemia) e aiuta a capire quali sono le cause del sodio alto e basso. Vediamo meglio cos’è il sodio, a cosa serve l’esame del sodio nel sangue, cause, sintomi e terapia del sodio alto e basso.

 

Valori di riferimento

Tra 135 e 150 milliequivalenti per litro (mEq / L) o 135-150 millimoli per litro (mmol / L)

 

Cos’è il sodio?

 esame del sodio nel sangueIl sodio è sia un elettrolito che un minerale. La maggior parte del sodio nel corpo (circa l’85%) si trova in sangue e nella linfa. I livelli di sodio nel corpo sono in parte controllati da un ormone chiamato aldosterone, che è prodotto dalle ghiandole surrenali. I livelli di aldosterone indicano ai reni quando trattenere il sodio nel corpo invece che eliminarlo dalle urine. Piccole quantità di sodio sono anche eliminate attraverso la pelle quando si suda. La maggior parte degli alimenti contengono sodio all’origine o come ingrediente in cucina. Il sodio si trova nel sale alimentare, nel sodio cloruro o nel bicarbonato di sodio. Anche molti farmaci e altri prodotti contengono sodio, ad esempio lassativi, aspirina, collutorio e dentifricio.

 

A cosa serve il sodio nel sangue?

Il sodio è fondamentale per salute. Aiuta a mantenere in equilibrio la quantità di acqua (la quantità di liquidi dentro e fuori le cellule del corpo) e l’equilibrio degli elettroliti dell’organismo. Il sodio è importante anche per il funzionamento dei nervi e dei muscoli.

Bassi livelli di sodio (iposodiemia) sono rari e spesso causati molto consumo di acqua o da problemi di salute come insufficienza cardiaca, malnutrizione e diarrea.

Altri elettroliti come potassiocalcio, cloruromagnesio e fosfato, possono essere controllati in un esame del sangue insieme all’esame per il sodio.

 

Sodio: l’esame del sangue (sodiemia)

L’esame di sodio nel sangue (sodiemia o natriemia) si fa con un prelievo di sangue, quindi con pochi rischi. Prima del prelievo informare il medico dei farmaci, erbe e integratori assunti. Per maggiori informazioni vedi: preparazione agli esami del sangue

 

Perché viene fatto l’esame del sangue di sodio?

Un esame del sodio nel sangue viene svolto per:

  • Controllare il bilancio idrico ed elettrolitico del corpo (omeostasi di acqua e sali).
  • Trovare la causa dei sintomi di bassi o alti livelli di sodio (sodiemia bassa o sodiemia alta).
  • Verificare lo stato di avanzamento di malattie dei reni o ghiandole surrenali.

Misurando i valori della concentrazione di sodio con l’esame del sangue il medico può fare una diagnosi precisa e stabilire la giusta terapia.

 

Valori di sodio nel sangue

I risultati sono pronti in 1 giorno

 

Valori normali:

Tra 135 e 150 milliequivalenti per litro (mEq / L) o 135-150 millimoli per litro (mmol / L)

 

Valori alti: sodio alto nelle analisi del sangue e cause (ipersodiemia)

  • Alti livelli di sodio (Ipernatremia o sodiemia alta) possono essere causati da una dieta ricca di sodio o da ridotto consumo di acqua, disidratazione o ritenzione idrica. La disidratazione può anche essere causata da farmaci (come diuretici), vomito o diarrea, sindrome di Cushing, lesioni o malattie renali, chetoacidosi diabetica o una condizione chiamata diabete insipido che rende difficile bilanciare il livello di acqua nel corpo.
  • Il sodio alto nel sangue può anche essere causato da livelli elevati di ormone aldosterone (iperaldosteronismo).

 

Valori bassi: sodio basso e cause

  • Bassi livelli di sodio (iponatriemia) possono essere causati da un’eccessiva sudorazione, ustioni, vomito o diarrea, grande consumo di acqua (polidipsia psicogena), o malnutrizione.
  • Una carenza di sodio può anche essere causata da inattività delle ghiandole surrenali o tiroidee, insufficienza cardiaca, malattie renali, cirrosi, fibrosi cistica, o SIADH (Sindrome da inappropriata secrezione di ADH).

 

Che cosa influenza il test

I motivi per cui i risultati potrebbero non essere affidabili sono:

  • Farmaci assunti, come pillole anticoncezionalicorticosteroidi, antibiotici, estrogeni, antidepressivi triciclici, eparina, farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), diuretici, litio, e molti farmaci usati per trattare la pressione sanguigna alta.
  • Avere alti livelli di glucosio (glicemia alta), trigliceridi, o proteine.
  • Iniezioni via endovenosa di sodio (IV) tramite flebo per via di un recente intervento chirurgico o un ricovero.

 

Costo dell’esame di sodio nel sangue

Il costo dell’esame del sodio senza ricetta può variare da laboratorio a laboratorio, generalmente è di 5 €

Il prezzo dell’esame con ricetta è di 1 € (più 10 euro di tariffa fissa).

 

Altro sul sodio nel sangue

  • Sodio alto e sodio basso: sintomi. Quando il livello di sodio cambia rapidamente, si rischia di avere più sintomi rispetto a quando il livello cambia lentamente. I sintomi di livelli anormali di sodio (sodiemia bassa e alta) si presentano con: confusione, mancanza di energia (letargo, astenia), o convulsioni.
  • Insufficienza renale. Per verificare se il corpo sta eliminando troppo poco o troppo sodio dalle urine, si cerca un valore, chiamato escrezione frazionale di sodio (FENA), esaminando le quantità di sodio, di creatinina nel sangue e di creatinina nelle urine. In persone con insufficienza renale, un basso FENA può significare minore flusso di sangue ai reni a causa dell’insufficienza renale. Può anche essere effettuato un esame del sodio nelle urine. Per ulteriori informazioni, vedere l’argomento: sodio (Na) nelle urine.
  • Altri elettroliti nel sangue, come calcio, cloruro, magnesio, potassio, fosfato, azoto ureico nel sangue (BUN) e creatinina, possono essere controllati in un’analisi di sangue insieme all’esame per il sodio nel sangue.


Hai letto:Sodio nel sangue (Na) – sodiemia
ultima modifica: 12/08/17
da Dr. D’Errico Angelo, medico chirurgo specialista in igiene e medicina preventiva

Scrivi un Commento