Iperfosfatemia – Ipofosfatemia

Un esame di fosfato misura la quantità di fosfato in un campione di sangue. Il fosfato è una particella carica (ione) che contiene il fosforo (un minerale). Il corpo ha bisogno di fosforo per costruire e riparare ossa e denti, far funzionare i nervi e i muscoli. La maggior parte (circa l’85%) del fosforo contenuto nel fosfato si trova infatti nelle ossa. Il resto è nei tessuti di tutto il corpo. I reni controllano la quantità di fosfato nel sangue. Inoltre, i reni filtrano il fosfato in eccesso e lo eliminano dal corpo con le urine. Il fosfato alto nel sangue (iperfosfatemia) è di solito causato da un problema o malattia renale (iperfosfatemia da insufficienza renale). Il fosfato basso (ipofosfatemia) è invece spesso causata da malnutrizione o alcolismo.

La quantità di fosfato nel sangue influenza il livello di calcio nel sangueIl calcio e il fosfato nel corpo reagiscono in modi opposti: quando i valori di calcio nel sangue aumentano, i livelli di fosfato diminuiscono e viceversa. Un ormone chiamato paratormone (PTH) regola i livelli di calcio e fosforo nel sangue. Quando si misura il livello di fosfato, si misura spesso anche il livello di vitamina D e, talvolta, il livello di PTH. La vitamina D aiuta il corpo ad assorbire il fosfato.

La relazione tra calcio e fosfato può essere alterata da alcune malattie o infezioni. Per questo motivo, i livelli di fosfato e di calcio vengono di solito misurati insieme.

In questo articolo

Utilizzo dell’esame

L’esame di fosfato nel sangue si usa per:

  • Controllare i livelli di fosfato se affetti da malattie renali o malattie ossee.
  • Trovare problemi di alcune ghiandole, come le ghiandole paratiroidee.
  • Capire la causa di valori anormali di vitamina D.

 

Come prepararsi all’analisi

Molti farmaci possono modificare i risultati dell’esame. Informa il medico di tutti i farmaci assunti, compresi integratori di vitamina D.

 

Come si fa

L’esame per misurare iperfosfatemia e ipofosfatemia è un prelievo di sangue. Il rischio è basso.

 

Valori di fosfato

Un esame di fosfato misura la quantità di fosfato in un campione di sangue. I livelli di fosfato sono solitamente più alti nei bambini che negli adulti a causa della crescita ossea che si verifica nei bambini.

I risultati sono di solito disponibili in 1 giorno.

 

Valori normali

Adulti: 2,5-4,5 Milligrammi per decilitro (mg / dL)
Bambini: 4,5-5,5 mg / dL
Neonati: 4,5-9,0 mg / dL

I valori normali variano da laboratorio a laboratorio. Inoltre, molti fattori possono alterare i risultati. Quindi il medico valuta i risultati in base alla salute e ad altri fattori.

 

Iperfosfatemia

Un livello di fosfato alto (iperfosfatemia) può essere causato da:

  • Alcuni tumori come il linfoma.
  • Sindrome da lisi tumorale (TLS)
  • Malattie renali
  • Inattività delle ghiandole paratiroidee (ipoparatiroidismo), acromegalia, chetoacidosi diabetica non controllata e certe malattie ossee.
  • Eccesso di vitamina D.

 

Ipofosfatemia

Le cause di ipofosfatemia possono essere:

  • Iperparatiroidismo, alcune malattie ossee (come l’osteomalacia), carenza di vitamina D, alcune malattie renali o epatiche.
  • Malnutrizione o malassorbimento.
  • La sprue: condizione che impedisce all’intestino di assorbire le sostanze nutritive.
  • Dipendenza dall’alcol.
  • Valori alti di calcio.
  • Alcuni tipi di tumore.

 

Cosa influenza i risultati

I risultati di un esame di fosfato nel sangue possono essere influenzati da:

  • Alcuni farmaci che possono diminuire i livelli di fosfato, come l’acetazolamide e l’adrenalina.
  • L’eccesso di zuccheri (glucosio) causa livelli di insulina alti e può anche ridurre i livelli di fosfato.

iperfosfatemia e ipofosfatemia

Costo dell’esame

Il costo dell’esame di fosfato senza ricetta può variare tra i laboratori, generalmente è di 5 €

Il prezzo dell’esame con ricetta è di 1,41 € (più 10 euro di tariffa fissa per il S.S.N.).

Altre informazioni

 

Terapia

È importante affidare la terapia ad un medico perché gli integratori di fosfato possono causare un calo di calcio nel sangue con vari problemi correlati.

 

Le principali terapie dell’iperfosfatemia

In caso di iperfosfatemia bisognerà:

Capire la causa di ipofosfatemia per iniziare una terapia specifica.

Limitare l’assunzione di fosfato: in particolare i pazienti con insufficienza renale cronica devono evitare alimenti ricchi di fosfato. Alimenti con molto fosfato sono: i prodotti lattiero-caseari, carni, noci, alimenti con proteine e alimenti trasformati.

Migliorare l’escrezione renale del fosfato (eliminazione con le urine).

A volte può essere richiesta la chirurgia per rimuovere i grandi depositi di fosfato di calcio in pazienti con insufficienza renale cronica.

In caso di insufficienza renale grave può essere necessario l’uso di farmaci. Ad esempio una cura con leganti del fosfato o Tenapanor.

 

Terapia dell’ipofosfatemia

Anche per l’ipofosfatemia la terapia dipende dalla causa, come dalla gravità. Inizialmente bisogna capire la causa e curarla. Se c’è un’ipofosfatemia lieve può bastare aumentare l’assunzione di cibi con fosfato. Poi se i livelli sono molto bassi il medico può prescrivere integratori di Vitamina D o di fosfato per via orale. Nei casi più gravi una cura di flebo.

Se l’hai trovato utile, resta aggiornato su offerte e novità! Segui la community social!

Fonti
Phosphate: analyte monograph – The Association for Clinical Biochemistry and Laboratory Medicine

Scrivi un Commento