Malattie veneree – guida completa

Una malattia venerea è una condizione contagiata da una persona all’altra nel rapporto sessuale. È possibile contrarre le malattie veneree da rapporti sessuali non protetti vaginali, anali o orali.

Ciò non significa che il rapporto sessuale sia l’unica via di contagio delle malattie veneree. Puoi contrarre le infezioni anche:

  • Nel contatto sangue – sangue (condividendo aghi ad esempio)
  • Nell’allattamento al seno (la madre lo trasmette)

Le malattie veneree si possono anche chiamare infezioni trasmesse sessualmente, malattie sessualmente trasmissibili o malattie sessuali.

Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.


Indice

 

Sintomi delle malattie veneree nell’uomo

I sintomi delle malattie veneree nell’uomo e nella donna posso essere diversi. Puoi avere una malattia venerea senza sviluppare sintomi. Alcune causano sintomi evidenti. Nell’uomo, i sintomi comuni includono:

  • Dolori o fastidi durante i rapporti sessuali o urinando
  • Piaghe, protuberanze o eruzioni cutanee sul o vicino al pene, testicoli, ano, glutei, cosce o bocca
  • Urina insolita
  • Sangue o perdite dal pene
  • Dolore o gonfiore ai testicoli

I sintomi specifici possono variare a seconda della malattia venerea contratta.
check up malattie sessualmente trasmissibili

Sintomi delle malattie veneree nelle donne

In molti casi, le malattie sessualmente trasmissibili non hanno sintomi. Se li hanno, i sintomi nelle donne includono:

  • Dolore o fastidio durante i rapporti sessuali o urinando
  • Piaghe, protuberanze o eruzioni cutanee sulla o intorno alla vagina, all’ano, ai glutei, alle cosce o alla bocca
  • Urina insolita o sangue dalla vagina
  • Perdite vaginali
  • Prurito dentro o intorno alla vagina

I sintomi specifici possono variare tra una malattia e l’altra.

check up malattie sessualmente trasmissibili

Tipi di malattie sessualmente trasmissibili: elenco

Molte infezioni si trasmettono sessualmente. Ecco un elenco delle malattie veneree più comuni.

 

Clamidia

La clamidia è un’infezione batterica, molto diffusa tra i giovani.

Tante persone con clamidia non hanno sintomi evidenti. Quando i sintomi si sviluppano, spesso includono:

  • Dolore o fastidio durante i rapporti sessuali o urinando
  • Perdite verdi o gialle dal pene o dalla vagina
  • Dolore nell’addome inferiore

Se non trattata, la clamidia può causare:

  • Infezioni a vie urinarie, prostata o testicoli
  • Malattia infiammatoria pelvica (tipo di infezione)
  • Infertilità
  • Lesioni ai genitali

Una donna incinta con la clamidia non curata può contagiare il bambino durante la nascita. Il bambino può sviluppare:

  • Polmoniti
  • Infezioni oculari e cecità

Si cura con antibiotici.

 

HPV (papillomavirus umano)

Il papillomavirus umano (HPV) è un virus che si trasmette nel contatto intimo pelle-a-pelle o nel rapporto sessuale. Esistono molti ceppi diversi del virus. Alcuni sono più pericolosi di altri.

Il più comune sintomo di HPV sono le verruche su genitali, bocca o gola.

Alcuni ceppi di infezione da HPV possono causare tumori, come:

  • Tumore alla cavità orale, laringe o faringe
  • Tumore alla cervice uterina
  • Cancro vulvare
  • Cancro del pene
  • Tumore rettale

In genere, HPV non diventa cancerosa, mentre alcuni ceppi del virus hanno più probabilità di provocare il cancro rispetto ad altri. Secondo il National Cancer Institute americano, il cancro correlato all’HPV è causato da HPV 16 e HPV 18. Questi due ceppi di HPV causano il 70% di tutti i casi di cancro alla cervice uterina.

Non c’è una cura per il papillomavirus. Tuttavia, le infezioni da HPV spesso si passano da sole. C’è anche un vaccino contro alcuni dei ceppi più pericolosi, tra cui HPV 16 e HPV 18.

Se contrai l’HPV, test ed esami aiutano il medico a valutare e gestire il rischio di complicanze.

 

Sifilide

La sifilide è un’altra infezione batterica. Spesso passa inosservata nelle sue fasi iniziali.

Il primo sintomo ad apparire è una piccola piaga, come una ferita, detta sifiloma. Può comparire sui genitali, sull’ano o sulla bocca (nel punto di contagio). È indolore ma molto contagiosa.

Più tardi i sintomi della sifilide possono includere:

  • Eruzioni cutanee
  • Fatica
  • Febbre
  • Mal di testa
  • Dolori articolari
  • Perdita di peso

Se non curata, la sifilide avanzata può portare a:

  • Cecità
  • Sordità
  • Problemi mentali e di memoria
  • Infezioni al cervello o al midollo spinale
  • Malattie del cuore
  • Morte

Per fortuna, se scoperta subito, la sifilide passa con antibiotici. Tuttavia, la sifilide nel neonato può essere fatale. Ecco perché è importante che tutte le donne in gravidanza facciano l’esame per la sifilide.

Prima si diagnostica e si cura la sifilide, meno danni causa. Ecco tutto quello che devi sapere per prevenire, riconoscere e curare la sifilide.

 

HIV

L’HIV può danneggiare il sistema immunitario e aumentare il rischio di contrarre altri virus, batteri e alcuni tipi di cancro. Se non trattato, l’HIV può peggiorare in AIDS. Ma con le terapie attuali, molte persone con l’HIV non sviluppano mai l’AIDS.

Nelle fasi iniziali (acute), è facile scambiare i sintomi dell’HIV con quelli dell’influenza. Ad esempio, i primi sintomi possono includere:

  • Febbre
  • Brividi
  • Dolori
  • Linfonodi ingrossati
  • Gola infiammata
  • Mal di testa
  • Nausea
  • Eruzioni cutanee

Questi sintomi iniziali spesso scompaiono in un mese circa. Da quel momento, l’HIV può non causare sintomi per molti anni. Altre persone sviluppano sintomi non specifici (comuni ad altre malattie), ad esempio:

  • Affaticamento
  • Febbre
  • Mal di testa
  • Problemi di stomaco

Non esiste ancora una cura per l’HIV, ma ci sono più trattamenti per gestirlo. La diagnosi e la terapia precoce ed efficace possono aiutare le persone con HIV a vivere come chi non ce l’ha.

In realtà, c’è stato un caso di HIV guarito, le speranze aumentano.

La terapia adeguata può anche prevenire il contagio dell’HIV a un partner sessuale. La terapia può ridurre la quantità di HIV in corpo a livelli non rilevabili. Quindi, l’HIV a livelli non rilevabili non può essere trasmesso ad altre persone (fonte).

Senza un controllo regolare, molte persone con HIV non sanno di averlo. Per favorire la diagnosi e la terapia precoce, bisognerebbe fare un test per l’HIV ogni 5 anni. Le persone ad alto rischio di HIV dovrebbero fare l’esame almeno una volta l’anno, anche se non hanno sintomi.

Puoi fare un esame anonimo al Laboratorio Analisi Cliniche Dr D’Errico Angelo o scegliere un check-up in offerta per le principali malattie sessualmente trasmissibili.

Con i recenti progressi nella diagnosi e nella terapia, puoi vivere una vita lunga e sana, anche con l’HIV. Ecco cosa devi proprio sapere per proteggere te stesso o il tuo partner dall’HIV.

 

Gonorrea

La gonorrea (o blenorragia) è un’altra comune malattia venerea causata da batteri.

Molte persone con gonorrea non hanno sintomi. Ma se compaiono, questi possono includere:

  • Perdite bianche, gialle, beige o verdi dai genitali
  • Dolori o fastidi durante i rapporti sessuali o urinando
  • Urinare più frequente del solito
  • Prurito alla zona genitale
  • Gola infiammata

Se non trattata, la gonorrea può causare:

  • Infezioni dell’uretra (esterno della vescica), della prostata o dei testicoli
  • Malattia infiammatoria pelvica (tipo di infezione)
  • Infertilità

La madre può trasmettere la gonorrea al neonato durante il parto. Quando ciò accade, la gonorrea può dare seri problemi di salute al bambino. Questo è il motivo per cui molti medici consigliano alle donne un esame e le cure per potenziali malattie sessualmente trasmissibili.

La terapia per gonorrea di solito prevede antibiotici.

 

Pidocchi pubici (piattole)

Piattola è un altro nome del pidocchio pubico. Sono piccoli insetti che possono annidarsi nei peli pubici. Come i tipici pidocchi, si nutrono di sangue.

I sintomi comuni dei pidocchi includono:

  • Prurito intorno ai genitali o all’ano
  • Piccole protuberanze rosa o rosse intorno ai genitali o all’ano
  • Febbre
  • Scarsa energia
  • Irritabilità

Potresti anche vedere i pidocchi o le loro piccole uova bianche alla radice dei peli pubici. Una lente può aiutarti a individuarli.

Se non curati, i pidocchi pubici possono diffondersi ad altre persone nel contatto pelle a pelle o condividendo vestiti, lenzuola o asciugamani. I morsi possono anche infettarsi. È meglio iniziare subito una terapia.

Se hai pidocchi pubici, puoi usare trattamenti topici (creme esterne) senza ricetta e le pinzette per rimuoverli dal corpo. È anche importante disinfestare vestiti, lenzuola, asciugamani e la casa.

 

Tricomoniasi

Un minuscolo organismo (protozoo), che si trasmette nel contatto genitale, è la causa della tricomoniasi.

In generale, solo una persona su tre ha i sintomi. Chi li ha, può provare:

  • Perdite dalla vagina o dal pene
  • Bruciore o prurito intorno alla vagina o al pene
  • Dolori o fastidi urinando o durante i rapporti sessuali
  • Urina frequente

Nelle donne, le perdite correlate a tricomoniasi hanno spesso un cattivo odore (come di pesce).

Se non trattata, può portare a:

  • Infezioni all’uretra (esterno della vescica)
  • Malattia infiammatoria pelvica (tipo di infezione)
  • Infertilità

La tricomoniasi si tratta con antibiotici.

 

Herpes

Herpes è il nome abbreviato del virus dell’herpes simplex (HSV). Esistono due principali ceppi del virus: HSV-1 e HSV-2. Entrambi si trasmettono nei rapporti sessuali. È una malattia venerea molto comune. Più di 1 persona su 6 tra i 14 e i 49 anni ha l’herpes.

HSV-1 si trasmette tramite la saliva o lesioni erpetiche (pustole) ed è responsabile dell’herpes labiale. Tuttavia, l’HSV-1 può anche diffondersi dalla bocca ai genitali con il sesso orale. In questo caso, l’HSV-1 causa herpes genitale.

HSV-2 causa soprattutto l’herpes genitale.

Il sintomo più comune dell’herpes sono le ferite (vesciche, piaghe). Nel caso dell’herpes genitale, queste piaghe colpiscono i genitali. Nell’herpes orale, si sviluppa sulla o vicino la bocca.

Le vesciche erpetiche spesso si cicatrizzano e guariscono in poche settimane. Il primo focolaio è di solito il più doloroso. I successivi sono meno dolorosi e frequenti.

Una donna incinta con l’herpes può trasmetterla al feto in grembo o al neonato nel parto. È il cosiddetto herpes congenito e può essere molto pericoloso per il neonato. Ecco perché le donne in gravidanza devono controllare di non averlo con un esame.

Non esiste ancora una cura per l’herpes. Ma i farmaci possono alleviare i focolai e il dolore. Gli stessi farmaci possono anche ridurre le possibilità di contagiare l’herpes al partner.

La terapia e i rapporti protetti possono aiutarti a fare una vita confortevole con l’herpes e proteggere gli altri dal virus.

 

Altre malattie sessualmente trasmissibili

Altre malattie sessualmente trasmissibili meno comuni sono:

  • Cancroide o ulcera molle. Causa ulcere e papule ai genitali
  • Linfogranuloma venereo. Causa papule genitali, orali o anali
  • Donovanosi (o granuloma inguinale). Il sintomo principale è un nodulo ingrossato nella zona genitale che in seguito si apre formando un’ulcera
  • Mollusco contagioso. Papule simili a brufoli
  • Provoca prurito e lesioni cutanee

 

Malattie veneree da sesso orale

I rapporti vaginali e anali non sono l’unica via di trasmissione delle malattie veneree. È anche possibile contrarre o trasmettere una MST nel rapporto orale. In altre parole, le malattie sessualmente trasmissibili possono essere trasmesse dai genitali di una persona alla bocca o alla gola di un’altra persona e viceversa.

Le MST orali non hanno sempre sintomi. Quando causano sintomi, spesso includono mal di gola o piaghe intorno alla bocca o alla gola.

 

Malattie veneree curabili

Diverse malattie sessualmente trasmissibili sono curabili. Ad esempio, le seguenti si possono curare con antibiotici o altre terapie:

  • Clamidia
  • Sifilide
  • Gonorrea
  • Pidocchi pubici
  • Tricomoniasi

Altre non si possono curare. Ad esempio, queste malattie veneree sono ad oggi incurabili:

  • HPV
  • HIV
  • Herpes

Anche se incurabili, tuttavia, possono essere trattate. È sempre importante ricevere una diagnosi precoce. Il trattamento spesso allevia i sintomi e riduce il rischio di trasmettere le malattie veneree a qualcun altro.

Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.

Malattie sessualmente trasmissibili e gravidanza

Una donna in gravidanza può trasmettere le malattie veneree al feto durante la gravidanza o al neonato durante il parto. Nei neonati, le malattie sessualmente trasmissibili possono causare complicazioni. In alcuni casi, possono essere pericolose per la vita.

Per prevenire malattie sessualmente trasmissibili nei neonati, i medici spesso consigliano alle donne in gravidanza gli esami per le malattie sessualmente trasmissibili. Il medico potrebbe raccomandare il test anche se non si hanno sintomi.

Se hai una o più malattie veneree in gravidanza, il medico potrebbe prescrivere antibiotici, farmaci antivirali o altre terapie. In alcuni casi, potrebbe consigliare il parto cesareo per ridurre il rischio di trasmissione tramite il parto.

 

Diagnosi delle malattie sessualmente trasmissibili

In genere, il medico non può diagnosticare una malattia venerea basandosi solo sui sintomi. Se il medico sospetta una MST, è probabile che raccomandi un esame.

A seconda dei tuoi rapporti trascorsi, il medico può raccomandare il test per le malattie veneree anche se non hai sintomi. Le MST non provocano sintomi evidenti in molti casi. Ma anche senza sintomi, possono causare danni o essere trasmesse ad altre persone.

Il medico può diagnosticare la maggior parte delle malattie sessualmente trasmissibili con un esame delle urine o del sangue. Se hai sviluppato piaghe, può anche richiedere un tampone.

 

L’esame delle malattie veneree è l’unico modo per fare la diagnosi precisa

Puoi fare il test per le malattie sessualmente trasmissibili presso il Laboratorio Analisi Cliniche Dr. D’Errico in totale privacy e anonimato, oppure presso il tuo fornitore di servizi sanitari.

Ci sono anche kit domestici per alcune MST, ma potrebbero non essere sempre affidabili. Usali con cautela. Il risultato dovrebbe comunque essere confermato in laboratorio.

È importante sapere che il Pap test non è un test delle malattie veneree. Il Pap test controlla se ci sono cellule precancerose sulla cervice. Anche se può essere combinato al test HPV, un Pap test negativo non significa che non hai altre malattie.

Se hai avuto qualsiasi tipo di rapporto, è bene fare un test per le malattie sessualmente trasmissibili. Alcune persone dovrebbero fare il test più spesso di altre. Scopri se dovresti fare un test per le malattie veneree e in cosa consiste.

check up malattie sessualmente trasmissibili

Trattamento delle malattie veneree

La cura per le malattie sessualmente trasmissibili varia a seconda della malattia. È molto importante che tu e il tuo partner sessuale abbiate trattato con successo la MST prima di riprendere l’attività sessuale. Altrimenti, puoi trasmettere l’infezione ad altri.

 

MST batteriche

Di solito, gli antibiotici curano le infezioni batteriche.

È importante prendere gli antibiotici come prescritto. Continua a prenderli come indicato anche se ti senti meglio prima della fine. Informa il medico se i sintomi non scompaiono o ritornano dopo il ciclo di farmaci prescritti.

 

MST virali

Gli antibiotici non curano le malattie sessualmente trasmissibili virali. La maggior parte delle infezioni virali non ha cura, invece alcune possono passare da sole. E in molti casi, sono disponibili trattamenti per alleviare i sintomi e ridurre il rischio di trasmissione.

Ad esempio, sono disponibili farmaci per ridurre la frequenza e la gravità dei focolai di herpes. Allo stesso modo, il trattamento può evitare che l’HIV peggiori. Inoltre, i farmaci antivirali possono ridurre il rischio di trasmettere l’HIV a qualcun altro.

 

Altre malattie sessualmente trasmissibili

Alcune malattie sessualmente trasmissibili non sono causate né da virus né da batteri. Altri piccoli organismi sono invece la causa. Ad esempio:

  • Pidocchi
  • Tricomoniasi
  • Scabbia

Queste malattie veneree sono spesso curabili con farmaci orali o topici. Chiedi al tuo medico per ulteriori informazioni sulle tue condizioni e terapie possibili.

 

Prevenire le malattie sessualmente trasmissibili

Evitare i rapporti sessuali è l’unico e infallibile modo per evitare le malattie sessualmente trasmissibili. Ma se non vuoi evitare i rapporti, ci sono vari modi per renderli sicuro.

Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.

Praticare rapporti sicuri

Se usati a dovere, i preservativi proteggono bene da molte malattie sessualmente trasmissibili. È comunque importante usare il preservativo durante tutti i rapporti: vaginali, anali e orali.

I preservativi sono spesso efficaci nel prevenire le malattie veneree che si diffondono attraverso i liquidi, come lo sperma o il sangue. Ma non proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili che si trasmettono da pelle a pelle. Se il preservativo non copre l’area infetta della pelle, puoi comunque contrarre una malattia venerea o trasmetterla al tuo partner.

I preservativi possono proteggere non solo dalle malattie sessualmente trasmissibili, anche dalle gravidanze indesiderate.

Al contrario, molti altri tipi di anticoncezionali riducono il rischio di gravidanze indesiderate ma non di malattie veneree. Ad esempio, questi anticoncezionali non proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili:

  • Pillola
  • Diaframma
  • Anello vaginale
  • Coito interrotto

 

Altre precauzioni

Fare regolari test delle malattie sessualmente trasmissibili è una buona idea per chiunque abbia rapporti. Soprattutto per chi cambia spesso partner o ha più partner. La diagnosi precoce e il trattamento possono aiutare a fermare la diffusione delle infezioni.

Prima di avere rapporti con un nuovo partner, è importante parlare della propria storia sessuale. Dovresti anche fare un test per le malattie sessualmente trasmissibili, poiché spesso non hanno sintomi, il test è l’unico modo per sapere se ne hai una.

Se il tuo partner risulta positivo a una MST, è importante che segua le terapie raccomandate dal medico. Puoi anche chiedere al medico strategie per proteggerti dal contagio. Ad esempio, se il tuo partner ha l’HIV, probabilmente il medico ti dirà di prendere la profilassi pre-esposizione (PrEP), sono farmaci da prendere prima del contagio con il virus.

Se sei positivo, tu o il tuo partner dovreste anche fare un vaccino per l’HPV e l’epatite B.

Seguendo queste e altre strategie, puoi prevenire le malattie sessualmente trasmissibili e non trasmetterle ad altri. Scopri di più sull’importanza del sesso sicuro e della prevenzione delle MST.

 

Convivere con le malattie veneree

Se sei positivo ad una MST, devi fare il trattamento il prima possibile.

Se hai una malattia venerea, sei più a rischio di prenderne altre. Alcune malattie sessualmente trasmissibili possono anche avere gravi conseguenze se non trattate. In rari casi, le malattie veneree non curate possono persino essere fatali.

Per fortuna, molte malattie sessualmente trasmissibili sono curabili. In alcuni casi, possono essere curate del tutto. In altri casi, un trattamento precoce può alleviare i sintomi, ridurre il rischio di complicanze e proteggere i partner sessuali.

Oltre ai farmaci prescritti, il medico può consigliarti di modificare le tue abitudini sessuali per proteggere te stesso e gli altri. Ad esempio, può consigliare di evitare del tutto i rapporti finché l’infezione non sarà passata. Quando riprendi i rapporti, ti incoraggerà a usare preservativi, o altre protezioni.

Prevenire e seguire il trattamento consigliato dal medico può aiutare a migliorare la vita con le malattie sessualmente trasmissibili.

Scrivi un Commento