HIV e AIDS: la guida

Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) è un virus che attacca il sistema immunitario. L’HIV può evolvere in sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS). L’AIDS è una diagnosi di HIV in stadio avanzato che indebolisce il sistema immunitario e può essere fatale. In questo articolo vediamo tutto ciò che interessa a prevenire e curare la malattia.
Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.

Indice

 

Cos’è l’HIV?

hiv - aids

HIV (virus dell’immunodeficienza umana, dall’inglese Human Immunodeficiency Virus) è un virus che danneggia il sistema immunitario. Il sistema immunitario aiuta il corpo a combattere virus e infezioni. La malattia non trattata infetta e uccide le cellule CD4: una cellula del sistema immunitario. A lungo andare, poiché l’HIV uccide cellule protettive, è più probabile che il corpo abbia infezioni e tumori.

L’HIV si trasmette tramite fluidi corporei, ad esempio:

  • Sangue
  • Sperma
  • Fluidi vaginali e rettali
  • Latte materno

Il virus non si diffonde nell’aria o nell’acqua o con contatti casuali, come abbracci.

L’HIV è cronico: dura tutta la vita. Per ora non c’è una cura, anche se molti scienziati la stanno cercando. Tuttavia, il trattamento, compresa la terapia chiamata antiretrovirale, può gestire l’HIV per convivere con il virus per molti anni.

Senza terapia, l’HIV può evolvere in una grave malattia chiamata AIDS. A quel punto, il sistema immunitario è troppo debole per combattere malattie e infezioni. Non trattata, la sopravvivenza con l’AIDS è di circa tre anni. La terapia antiretrovirale può controllare bene la malattia e l’aspettativa di vita può essere quasi uguale a quella di chi non ha l’HIV.

Si stima che 15 mila italiani abbiano l’HIV. Di queste persone, 1 su 5 non sa di avere il virus. ►Ecco come diagnosticare le malattie sessualmente trasmissibili.

 

Quindi

HIV è un virus trasmesso tramite fluidi corporei. Danneggia il sistema immunitario rendendo il corpo più suscettibile a infezioni e tumori.

 

Cos’è l’AIDS?

L’AIDS è la fase più avanzata dell’HIV. Ma se una persona ha l’HIV, non significa che svilupperà l’AIDS.

L’HIV uccide le cellule CD4. Gli adulti sani in media hanno tra 500 e 1.500 cellule CD4 per millimetro cubo. Una persona con diagnosi di AIDS ne ha meno di 200 per millimetro cubo.

Una persona può anche avere una diagnosi di AIDS se ha l’HIV e sviluppa un cancro o un’infezione opportunistica, rara in persone senza questa malattia. Un’infezione opportunistica, come la polmonite, è quella che sfrutta una situazione particolare, come l’HIV.

Non trattato, l’HIV può evolvere in AIDS entro dieci anni. Non c’è cura per l’AIDS, e senza trattamento, l’aspettativa di vita dopo la diagnosi è di circa tre anni. Può diminuire se la persona sviluppa una grave malattia opportunistica. Tuttavia, il trattamento con farmaci antiretrovirali può prevenire l’AIDS.

Se hai l’AIDS, significa che il sistema immunitario è molto compromesso. Non può più combattere la maggior parte delle malattie e delle infezioni. Quindi il corpo è vulnerabile a varie malattie, tra cui:

  • Polmonite
  • Tubercolosi
  • Mughetto orale, un’infezione alla bocca o alla gola
  • Citomegalovirus, un tipo di virus della famiglia herpes
  • Meningite criptococcica, un’infezione al cervello
  • Toxoplasmosi o Criptosporidiosi, infezioni causate da parassiti
  • Tumore, compreso il sarcoma di Kaposi (KS)e il linfoma

La scarsa aspettativa di vita legata all’AIDS non trattato non è dovuta all’AIDS stesso. Piuttosto, è il risultato di malattie e complicazioni causate da un sistema immunitario indebolito.

 

Quindi

L’AIDS è la fase avanzata dell’HIV. Se hai l’AIDS, il sistema immunitario è così compromesso da non riuscire più a combattere la maggior parte delle malattie.

 

HIV e AIDS: qual è il legame?

Per sviluppare l’AIDS, bisogna avere l’HIV. Ma avere l’HIV non significa sempre che diventerà AIDS.

L’HIV si sviluppa in tre fasi:

  • Fase 1: fase acuta, prime settimane dopo la trasmissione
  • Fase 2:latenza clinica o stadio cronico
  • Fase 3:AIDS

Quando l’HIV abbassa il numero delle cellule CD4, il sistema immunitario si indebolisce. Il numero medio di CD4 nell’adulto è da 500 a 1.500 per millimetro cubo. Una persona con meno di 200 è considerata con l’AIDS.

La velocità con cui l’HIV progredisce nella fase cronica varia da caso a caso. Senza trattamento, può passare anche un decennio prima di evolvere in AIDS. Con la terapia, anche tutta la vita.

Non esiste una cura per l’HIV, ma puoi controllarlo. La vita delle persone con HIV è spesso di durata quasi normale grazie al trattamento tempestivo con terapia antiretrovirale. Allo stesso modo, non c’è una cura per l’AIDS. Tuttavia, il trattamento può aumentare il numero di cellule CD4, fino al punto in cui viene considerato come senza l’AIDS (con almeno 200 CD4). Inoltre, il trattamento può prevenire le malattie opportunistiche.

 

Quindi

HIV e AIDS sono correlate, ma non la stessa cosa.

 

Trasmissione dell’HIV

Chiunque può contrarre l’HIV. Il virus si trasmette tramite fluidi corporei, incluso:

  • Sangue
  • Sperma
  • Fluidi vaginali e rettali
  • Latte materno
  • Saliva

Alcuni modi in cui avviene il contagio da HIV sono:

  • Rapporti vaginali o anali – la via più comune, specie nei rapporti anali tra soli uomini
  • Condividendo aghi, siringhe e altri oggetti per iniettare droghe
  • Condividendo attrezzature per tatuaggi senza sterilizzarle tra un uso e l’altro
  • Durante la gravidanza, il travaglio o il parto dalla madre al bambino
  • Durante l’allattamento
  • Masticando il cibo di un bambino prima di darglielo da mangiare
  • Tramite contatto con sangue di qualcuno con l’HIV, ad esempio con un ago

Il virus si trasmette anche nelle trasfusioni di sangue o trapianti di organi e tessuti. Tuttavia, ormai ci sono test rigorosi per l’HIV ai donatori di sangue, organi e tessuti che assicurano che sia molto raro in Europa.

È possibile, ma raro, che la trasmissione dell’HIV avvenga attraverso:

  • Sesso orale o bacio profondo (solo se ci sono gengive sanguinanti o ferite aperte nella bocca della persona)
  • Morso di una persona con HIV (solo se la saliva è insanguinata o ci sono ferite aperte nella bocca della persona)
  • Contatto tra ferite o mucose e il sangue di chi ha l’HIV

 

L’HIV NON si diffonde attraverso:

  • Contatto pelle-pelle
  • Petting (che non provochi lesioni da sfregamento)
  • Abbracciare, stringere la mano o baciare nella guancia
  • Aria o acqua
  • Condividere cibo o bevande
  • Saliva, lacrime o sudore (a meno che non sia sporco di sangue della persona con HIV)
  • Condividere un bagno, asciugamani o biancheria
  • Zanzare o altri insetti

È importante sapere che se la persona con HIV viene curata e ha una carica virale non rilevabile, non è contagiosa.

►►Ecco quando dovresti fare test per l’HIV

 

Quindi

Il virus dell’HIV si trasmette tramite fluidi corporei. Ad esempio, nei rapporti sessuali, durante la gravidanza o il parto, condividendo attrezzature per tatuaggi o per iniettare droghe.

 

Cause dell’HIV

L’HIV è una variante di un virus che infetta gli scimpanzé africani. Gli scienziati sospettano che il virus dell’immunodeficienza simiana (SIV) sia passato dagli scimpanzé agli umani quando mangiavano carne infetta di scimpanzé (circa agli inizi del 1900). Contagiato l’uomo, il virus è mutato in quello che ora è noto come HIV.

La malattia si diffuse in tutta l’Africa in alcuni decenni. Poi, il virus è migrato nel mondo. Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta l’HIV nell’uomo nel 1959.

 

Quindi

L’HIV è un virus che dagli scimpanzé dell’africa si diffuse all’uomo. La prima volta fu scoperto in un uomo nel 1959.

 

Cause dell’AIDS

L’AIDS è causato dall’HIV. Non si può contrarre l’AIDS se non si è contratto l’HIV.

Gli individui sani hanno tra 500 e 1.500 cellule CD4 per millimetro cubo. Senza trattamento, l’HIV distrugge le cellule CD4. Se il numero di CD4 nella persona scende al di sotto di 200, ha l’AIDS.

Inoltre, se la persona malata sviluppa un’infezione opportunistica associata all’HIV, può anche ricevere diagnosi di AIDS, anche se il numero di CD4 è >200.

 

Quindi

L’HIV causa l’AIDS. La diagnosi di AIDS comporta nel malato di HIV una conta di CD4 <200 o una malattia opportunistica.

 

Quali test diagnosticano l’HIV?

check up malattie sessualmente trasmissibili
Vari test sono utili a diagnosticare l’HIV. Il medico valuterà qual è il migliore per ogni caso.

 

Test per l’HIV di anticorpi e antigeni (Combo test)

I test di anticorpi e antigeni, in genere, mostrano risultati affidabili entro 18-45 giorni dal contagio di HIV.

Cercano gli anticorpi e gli antigeni nel sangue. L’anticorpo è una proteina che il corpo produce per combattere un’infezione. L’antigene, invece, è la parte del virus che attiva il sistema immunitario.

 

Test di anticorpi

Questi cercano solo gli anticorpi nel sangue, sono i più usati. Tra 23 e 90 giorni dal contagio, la maggior parte delle persone sviluppa anticorpi per l’HIV, che si possono trovare esaminando sangue o saliva.

Servirà appunto un esame del sangue o un tampone orale. Non serve alcuna preparazione all’esame. Alcuni test danno il risultato in 30 minuti.

Esiste anche un test di anticorpi da fare in casa. Tuttavia, se sospetti un contagio da HIV ma è risultato del test casalingo è negativo, dovresti ripetere l’esame dopo tre mesi. Se il risultato è positivo, dovrai comunque confermarlo con l’esame in laboratorio. L’esame in laboratorio è anonimo, affidabile e sicuro. Puoi anche scegliere di non dare il tuo nome o dare un nome diverso. Quindi è da preferire rispetto all’esame casalingo.

 

Test di controllo

Questi test costosi non sono usati nel primo controllo. È per chi ha già i primi sintomi dell’HIV o un alto fattore di rischio. Questi test sono di vario tipo: PCR, Western Blot, RNA test. Il medico vi consigliera se e quali fare.

►►Ulteriori informazioni sui test per l’HIV

 

Quindi

Oggi è più facile che mai fare il test dell’HIV. Ne esistono vari. Il più comune è il test degli anticorpi: un esame del sangue che rileva il virus dopo circa 45 giorni dal contagio.

 

Qual è il periodo della finestra HIV?

aids - hiv

Non appena qualcuno contrae l’HIV, il virus inizia a riprodursi nel corpo. Il sistema immunitario della persona reagisce agli antigeni (parti del virus) producendo anticorpi (cellule che combattono il virus).

Il periodo finestra dell’HIV è il tempo che passa tra il contagio e quando diventa rilevabile nel sangue. La maggior parte delle persone sviluppa anticorpi HIV rilevabili entro 20/90 giorni dall’infezione.

Se una persona fa il test HIV durante il periodo della finestra, è probabile che il risultato sarà negativo (falso negativo). Tuttavia, è contagioso e può trasmettere il virus in questo periodo. Se c’è rischio di contagio da HIV ma risultato è negativo in questo periodo, bisogna ripetere il test dopo qualche mese per conferma (il tempo dipende dal test utilizzato). E durante quel periodo, bisogna usare il preservativo per prevenire la diffusione del virus.

Durante il periodo finestra si dovrebbe fare la profilassi post-esposizione (PEP). È un farmaco da prendere dopo l’esposizione per bloccare l’HIV. Serve prendere il PEP prima possibile dopo il contagio; non più tardi di 72 ore dall’esposizione, meglio prima.

Un altro modo per prevenire l’HIV è la profilassi pre-esposizione (PrEP). Farmaci da prendere prima della potenziale contatto con il virus, la PrEP può ridurre il rischio di contrarre o diffondere l’HIV.

►►Ecco altre informazioni sul periodo finestra del test per l’HIV

 

Quindi

Il periodo finestra dell’HIV è il tempo che passa tra il contagio e quando diventa rilevabile nel sangue. Per gli anticorpi HIV è di circa 20/90 giorni.

 

I sintomi immediati dell’HIV

Le prime settimane dal contagio da HIV si chiama fase acuta dell’infezione. In questa fase, il virus si riproduce rapidamente. Il sistema immunitario risponde producendo anticorpi anti-HIV: proteine ​​che combattono l’infezione.

In questa fase i sintomi iniziali dell’HIV possono non comparire in alcune persone. Tuttavia, molte altre hanno sintomi nel primo o secondo mese dopo aver contratto il virus, ma spesso non capiscono che la causa è l’HIV. Perché i sintomi della fase acuta sono molto simili a quelli dell’influenza o di altri virus stagionali. Variano da lievi a gravi, vanno e vengono, e possono durare da giorni a settimane.

Se hai l’HIV, i sintomi iniziali possono includere:

  • Febbre
  • Brividi
  • Linfonodi ingrossati
  • Dolori generali
  • Eruzioni cutanee
  • Mal di gola
  • Mal di testa
  • Nausea
  • Mal di stomaco

Come accennato, sono sintomi simili a malattie come la febbre. La persona può infatti credere non aver bisogno di vedere un medico. E anche il medico potrebbe sospettare un’influenza o mononucleosi, e potrebbe non pensare all’HIV.

Che la persona abbia sintomi o meno, in questo periodo la sua carica virale è molto alta. La carica virale è la quantità di virus nel sangue. Una carica virale alta significa che è molto contagioso.

I primi sintomi dell’HIV di solito passano entro pochi mesi e la persona entra nella fase cronica, o di latenza clinica, dell’HIV. Questo stadio può durare molti anni o anche decenni.

I sintomi dell’HIV possono variare da persona a persona. Se hai l’HIV, i sintomi iniziali ti aiutano ad iniziare subito la terapia, ecco quali sono.

 

Quindi

I sintomi iniziali di HIV possono non comparire o somigliare a quelli influenzali: febbre, tosse, mal di gola, ad esempio.

check up malattie sessualmente trasmissibili

Quali sono i sintomi dell’HIV?

Dopo il primo mese circa, l’HIV entra nella fase di latenza. Questo stadio può durare da anni a decenni. Alcune persone non hanno alcun sintomo durante questo periodo, mentre altri possono avere sintomi leggeri o non specifici. Sintomi non specifici significa non relativi a malattia o condizione specifica.

Questi sintomi non specifici possono includere:

  • Mal di testa e altri dolori
  • Linfonodi ingrossati
  • Febbre
  • Fatica
  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea
  • Perdita di peso
  • Eruzioni cutanee
  • Infezioni orali o vaginali
  • Polmonite
  • Herpes zoster

Come nella fase iniziale, l’HIV è contagioso in questo periodo e può trasmetterlo ad altri, anche senza sintomi. Tuttavia, la persona non sa di avere il virus se non fa un test. Chiunque abbia questi sintomi e pensa di essere stato esposto all’HIV, deve fare l’esame.

I sintomi dell’HIV in questa fase possono andare e venire, o possono aumentare di colpo. Il trattamento può bloccarli. Con la terapia antiretrovirale, l’HIV cronico può durare decenni e non diventare mai AIDS. La diagnosi e la terapia precoce sono fondamentali.

 

Quindi

L’HIV può non causare sintomi. I sintomi possono invece essere leggeri o non specifici (come febbre, dolori vari, vomito, nausea).

 

HIV ed herpes: l’eruzione cutanea è un sintomo di HIV?

Circa il 90 % delle persone con HIV hanno cambiamenti nella pelle. L’eruzione cutanea è spesso uno dei primi sintomi della malattia.

L’eruzione cutanea da HIV appare come più piccoli tagli rossi che sono piatti e sollevati.

 

Eruzione cutanea da HIV

L’HIV può dare problemi della pelle perché il virus colpisce il sistema immunitario che combatte le infezioni. Le co-infezioni che possono causare rash cutanei includono:

  • Mollusco contagioso
  • Herpes simplex
  • Herpes zoster

La forma dell’eruzione, la durata e la cura dipendono dalla causa.

 

Eruzione correlata a farmaco

Come le co-infezioni, anche i farmaci causare l’eruzione cutanea. Alcuni farmaci per l’HIV o altre infezioni possono causare eruzioni cutanee. Questo tipo di eruzioni cutanee spesso compaiono entro una settimana o due dall’avvio di un nuovo farmaco. A volte l’eruzione passa da sola. In caso contrario, potrebbe servire un farmaco diverso.

Anche una reazione allergica ai farmaci può causare rash cutanei. E può essere seria. Altri sintomi di una reazione allergica comprendono problemi a respirare o deglutire, vertigini e febbre.

La sindrome di Stevens-Johnson è una rara reazione allergica ai farmaci anti-HIV. I sintomi comprendono febbre e viso e lingua gonfi. Compare un rash alla vescica, che può coinvolgere pelle e mucose. Quando colpisce il 30 % della pelle, si parla di necrolisi epidermica tossica, una condizione pericolosa per la vita. Se si sviluppa, serve assistenza medica di emergenza.

L’eruzione cutanea può essere collegata all’HIV o ai farmaci per l’HIV. Le eruzioni cutanee sono tuttavia comuni e possono avere molte altre cause.

 

Quindi

L’HIV o i farmaci per l’HIV possono causare eruzioni cutanee. Le cause possono comunque essere altre.

 

Sintomi dell’HIV negli uomini

I sintomi dell’HIV variano da persona a persona, e tra uomini e donne. Questi sintomi possono andare e venire o peggiorare di colpo.

Una persona con l’HIV, potrebbe anche avere altre infezioni a trasmissione sessuale. Queste includono gonorrea, clamidia, sifilide e tricomoniasi. Gli uomini possono notare più delle donne i sintomi di malattie sessualmente trasmissibili, come le piaghe ai genitali. Tuttavia, gli uomini in genere non cercano supporto medico più delle donne.

 

Quindi

Un uomo con HIV può notare meglio i sintomi di malattie sessualmente trasmesse. Come le piaghe genitali: sintomi di altre malattie di questo tipo.

 

Sintomi dell’HIV nelle donne

Di solito, i sintomi dell’HIV sono simili in uomo e donna. Tuttavia, possono cambiare.

Uomini e donne con HIV sono a maggior rischio di infezioni trasmesse sessualmente. Tuttavia, le donne potrebbero notare meno piccoli sintomi o altri cambiamenti ai genitali.

Inoltre, le donne con HIV sono a maggior rischio di:

  • Infezioni vaginali da lievito
  • Altre infezioni vaginali, compresa la vaginosi batterica
  • Malattia infiammatoria pelvica
  • Cambiamenti del ciclo mestruale
  • Papillomavirus umano, che può causare verruche genitali e causare cancro della cervice uterina

Le donne con HIV potrebbero anche trasmettere il virus al bambino durante la gravidanza. Tuttavia, la terapia antiretrovirale in gravidanza è considerata sicura. La terapia antiretrovirale abbassa tantissimo il rischio di trasmettere l’HIV al bambino durante gravidanza e parto.

Anche l’allattamento al seno interessa le donne con la malattia. Il virus può passare al bambino dal latte materno. È consigliabile che le donne con HIV non allattino al seno i loro bambini.

►►Ecco cosa sapere del test HIV in gravidanza

 

Quindi

Le donne con HIV sono a rischio di varie infezioni, anche a trasmissione sessuale. Tuttavia, potrebbero non notarne i sintomi.

Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.

Quali sono i sintomi dell’AIDS?

L’AIDS è la sindrome da immunodeficienza acquisita. Con l’AIDS, il sistema immunitario è indebolito per via dell’HIV non trattato per molti anni. Se l’HIV si diagnostica e si tratta subito con la terapia antiretrovirale, di solito non diventa AIDS.

Le persone con HIV possono sviluppare l’AIDS se l’HIV non è diagnosticato subito, o se sanno di essere malati ma non fanno la terapia antiretrovirale. Possono anche sviluppare l’AIDS se hanno un tipo di HIV resistente: che non risponde alla terapia antiretrovirale.

Senza un controllo adeguato, le persone con l’HIV possono sviluppare presto l’AIDS. A quel punto, il sistema immunitario è parecchio danneggiato e non combatte infezioni e malattie. Con la terapia antiretrovirale, la persona può non sviluppare mai l’AIDS.

I sintomi dell’AIDS possono includere:

  • Febbre
  • Ghiandole gonfie, in particolare di ascelle, collo e inguine
  • Fatica
  • Sudore notturno
  • Macchie scure sotto la pelle o dentro bocca, naso o palpebre
  • Piaghe, macchie o lesioni a bocca, lingua, genitali o ano
  • Lesioni o eruzioni cutanee
  • Diarrea
  • Perdita di peso
  • Problemi neurologici come a concentrarsi o di memoria
  • Ansia e depressione

La terapia antiretrovirale controlla il virus e di solito previene l’evolversi in AIDS. Si possono anche trattare altre infezioni e complicanze dell’AIDS. Il trattamento deve essere pensato sulle esigenze della persona.

 

Quindi

I sintomi dell’AIDS possono includere, febbre, fatica, anomalie della pelle o delle mucose, diarrea e perdita di peso.

 

Trattamenti per l’HIV

terapia hiv

La terapia deve iniziare prima possibile dopo la diagnosi di HIV, qualsiasi sia la carica virale.

La terapia principale per l’HIV è la terapia antiretrovirale, una combinazione di farmaci giornalieri che impedisce la riproduzione del virus. Questo aiuta a proteggere le cellule CD4 e mantenere forte il sistema immunitario per combattere le malattie.

La terapia antiretrovirale aiuta a bloccare l’HIV dal progresso in AIDS. Inoltre, riduce il rischio di trasmettere l’HIV ad altri.

Se il trattamento funziona, la carica virale sarà “non rilevabile”. La persona ha ancora l’HIV, ma il virus non compare nei risultati del test. Tuttavia, il virus è ancora in corpo. E se la persona interrompe la terapia antiretrovirale, la carica virale aumenterà di nuovo e l’HIV tornerà ad attaccare le cellule CD4.

►►Leggi anche: uomo guarito da HIV, il secondo caso al mondo

 

Quindi

Il principale trattamento per l’HIV è la terapia antiretrovirale. È un mix di farmaci quotidiani che previene l’evolversi in AIDS.

 

Farmaci contro l’HIV

Ci sono più di 25 farmaci approvati per la terapia antiretrovirale. Impediscono all’HIV di riprodursi e di distruggere le cellule CD4, che aiutano il sistema immunitario a combattere le infezioni. Ciò riduce il rischio di sviluppare complicanze e di contagiare altri.

Questi farmaci antiretrovirali sono raggruppati in sei classi:

  • Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI)
  • Analoghi non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTI)
  • Inibitori della proteasi
  • Inibitore della fusione
  • Anti CCR5, noti anche come inibitori dell’ingresso
  • Inibitori dell’integrasi

 

Come funziona la terapia

In generale, si raccomanda di iniziare con tre farmaci anti-HIV di almeno due di queste classi di farmaci. Questo mix serve ad evitare che l’HIV resista ai farmaci. (Resistenza significa che il farmaco non funziona).

Il medico aiuterà la persona con HIV a scegliere il regime adatto alla sua salute e circostanze personali. Questi farmaci vanno assunti ogni giorno, così come prescritto. Se non presi secondo regime, si può sviluppare resistenza virale e potrebbe servire un nuovo regime.

Le analisi del sangue aiutano a capire se il regime funziona a mantenere bassa la carica virale e alto il numero di CD4. Se un regime di terapia antiretrovirale non funziona, il medico indicherà un regime diverso più efficace.

 

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali della terapia antiretrovirale variano. Possono includere nausea, mal di testa, nausea, diarrea e vertigini. Questi sono spesso temporanei e scompaiono col tempo. Altri gravi effetti collaterali possono includere gonfiore alla bocca e alla lingua e problemi a fegato o reni. Se gli effetti collaterali sono gravi, avvertire il medico.

 

Quindi

Esistono diversi tipi di farmaci approvati per l’HIV. Il medico dirà quale usare, se funziona e se cambiarlo.

 

Prevenire l’HIV

Sebbene la scienza lo stia cercando, ad oggi non esiste un vaccino per prevenire l’HIV. Tuttavia, alcune misure possono evitare di diffonderlo.

Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.

Sesso più sicuro

Il modo più comune di diffondere l’HIV è il sesso anale o vaginale senza profilattico. Questo rischio non si può eliminare del tutto a meno che non si evitino i rapporti, ma si può abbassare prendendo alcune precauzioni. Per evitare l’HIV si dovrebbe:

  • Fare il test per l’HIV. È importante conoscere il proprio stato e quello del partner
  • Fare il test per altre infezioni sessualmente trasmesse. Se positivi a uno, bisogna curarsi, perché avere una infezione sessualmente trasmissibile aumenta il rischio di contrarre l’HIV
  • Usare i preservativi. Si dovrebbe imparare il modo corretto di usare i preservativi. Quindi usarli ad ogni rapporto di ogni tipo. È importante tenere presente che anche i liquidi pre-seminali (che escono prima dell’eiaculazione maschile) possono contenere l’HIV
  • Limitare i partner. Bisognerebbe avere un partner con una relazione esclusiva
  • Prendere i farmaci come indicato se hai l’HIV. Ciò riduce il rischio di trasmettere il virus al proprio partner

 

Altri metodi per prevenire

Altre misure per prevenire l’HIV sono:

  • Evitare di condividere aghi o altri strumenti per iniettare droghe. Il virus si trasmette attraverso il sangue e si può contrarre con materiali contaminati
  • Considera la PEP. Una persona esposta all’HIV deve contattare subito il medico per ricevere la profilassi post-esposizione (PEP). La PEP può ridurre il rischio di HIV. Comprende due o tre farmaci antiretrovirali somministrati per 28 giorni. La PEP deve essere iniziata prima possibile dall’esposizione, ma entro 72 ore
  • Valuta la PrEP. Una persona ad alto rischio di HIV dovrebbe parlare con il proprio medico della profilassi pre-esposizione (PrEP). Se assunta con costanza, può ridurre il rischio di contrarre l’HIV. La PrEP combina due farmaci disponibili in pillole

Il medico può darti altre informazioni su questi e altri modi per prevenire l’HIV.

 

Quindi

Per prevenire l’HIV ci sono diverse misure. Le principali sono praticare rapporti sicuri e non condividere materiale per iniettare droghe.

 

Vivere con l’HIV: come affrontarlo

Al mondo oltre 30 milioni di persone hanno l’HIV. Grazie alla terapia tanti possono vivere una vita lunga e al meglio.

Bisogna comunque iniziare subito la terapia antiretrovirale. Assumendo i farmaci come prescritto, le persone con l’HIV possono mantenere bassa la carica virale e forte il sistema immunitario. Dovrebbero anche vedere spesso il medico.

Altri modi in cui le persone con HIV possono migliorare la loro salute sono:

  • Rendere la salute una priorità assoluta. Significa che la persona con HIV dovrebbe:
    • Fare una dieta ben bilanciata
    • Fare sport
    • Riposare bene
    • Evitare tabacco, alcol e droghe
    • Segnalare eventuali nuovi sintomi al medico
  • Concentrarsi sulla salute emotiva. Potrebbe vedere uno psicologo esperto nell’HIV
  • Avere rapporti sicuri. Parlare con i partner sessuali. Fare il test per altre infezioni sessualmente trasmesse (IST). E usare i preservativi ad ogni rapporto
  • Parlare con il medico di PrEP e PEP. Se usate bene, profilassi pre-esposizione (PrEP) e post-esposizione (PEP) possono ridurre il rischio di trasmissione. La PrEP è spesso raccomandata alle persone senza HIV che hanno rapporti con persone con HIV, ma può essere usata anche in alti casi
  • Ricevere supporto. Possono unirsi a un gruppo di auto aiuto per l’HIV, sia di persona che online. Può far incontrare altri con gli stessi problemi

Ci sono molti modi per ottenere il massimo dalla vita quando si vive con l’HIV.

 

Quindi

Una persona con HIV dovrebbe seguire uno stile di vita sano, evitare sostanze nocive, avere rapporti protetti e pensare alla propria emotività.

 

Aspettativa di vita dell’HIV

Negli anni ’90, una persona di 20 anni con HIV aveva un’aspettativa di vita di 19 anni. Nel 2011, una persona di 20 anni con HIV poteva aspettarsi di vivere altri 53 anni.

È notevole. In gran parte dovuto alla terapia antiretrovirale. Con la terapia adeguata, molte persone con HIV possono fare una vita normale.

È anche vero che molte cose influenzano l’aspettativa di vita di una persona con HIV. Tra queste ci sono:

  • Numero di cellule CD4
  • Carica virale
  • Gravi malattie causate da HIV, compresa l’epatite
  • Uso di droghe
  • Fumo
  • Risposta al trattamento
  • Altre condizioni di salute
  • Età

Importa anche dove vive la persona. Le persone in Europa e altri paesi sviluppati hanno più probabilità di successo della terapia antiretrovirale. L’uso di questi farmaci aiuta a prevenire che l’HIV diventi AIDS. Quando lo diventa, l’aspettativa di vita senza trattamento è di circa tre anni.

I dati sull’aspettativa di vita sono solo statistiche: linee guida generali. Le persone che con HIV dovrebbero, se vogliono, parlare con il medico per saperne di più su cosa aspettarsi.

 

Quindi

L’aspettativa di vita di una persona con HIV varia in base a molti fattori. Per fortuna, grazie alla ricerca migliora con gli anni.

Resta aggiornato su offerte e novità. Segui la community social, pensa al benessere.

Esiste un vaccino per l’HIV?

Non ci sono vaccini per prevenire o curare l’HIV. Sono in corso ricerche e test su vaccini sperimentali, ma nessuno è approvato.

L’HIV è un virus complicato. Muta e spesso respinge le risposte del sistema immunitario. Solo poche persone con il virus sviluppano anticorpi in grado di combattere una vasta gamma di ceppi di HIV.

È in corso in Sud Africa il primo studio di sette anni sull’efficacia del vaccino anti HIV. Il vaccino sperimentale è una versione rivista di un altro sperimentale usato nel 2009 in Tailandia. Un controllo, a 3 anni e mezzo dalla vaccinazione, ha mostrato che il vaccino funzionava nel 31,2% dei casi. È il vaccino contro l’HIV di maggior successo fino ad oggi.

Lo studio attuale coinvolge 5.400 uomini e donne provenienti dal Sud Africa. Nel 2016 in Sud Africa, circa 270.000 persone hanno contratto l’HIV. I risultati dello studio sono attesi per il 2021.

Ora non c’è ancora un vaccino per l’HIV, ma chi ce l’ha può sfruttare altri vaccini per prevenire malattie legate all’HIV, come ad esempio:

  • Polmonite
  • Influenza
  • Epatite A e B
  • Meningite
  • Herpes zoster

Sono in corso anche altre ricerche su un vaccino contro l’HIV.

 

Quindi

Non esiste un vaccino anti-HIV. Ci sono comunque in corso alcuni studi incoraggianti.

 

Statistiche sull’HIV

Ecco i numeri dell’HIV oggi:

  • Nel 2017, circa 36,9 milioni di persone in tutto il mondo aveva l’HIV. Di questi, 1,8 milioni erano bambini sotto i 15 anni
  • Nel 2017, solo 21,7 milioni di persone con la malattia usava la terapia antiretrovirale
  • Da quando è iniziata la pandemia, 76,1 milioni di persone hanno contratto l’HIV e le complicazioni correlate all’AIDS hanno causato 35 milioni di vittime
  • Nel 2017, sono morte 1 milione di persone a causa di malattie legate all’AIDS. Meno dei 1,9 milioni del 2005
  • L’Africa orientale e meridionale sono più colpite. Nel 2016, 19,4 milioni di persone in queste aree avevano l’HIV. Questa area ha più della metà di tutte le persone con l’HIV di tutto il mondo
  • Non trattata, una donna con HIV ha il 25% di probabilità di contagiare il virus al bambino in gravidanza o allattando. Con la terapia antiretrovirale in gravidanza e senza allattamento al seno, il rischio scende al 2%
  • Negli anni ’90, una persona di 20 anni con HIV aveva un’aspettativa di vita di 19 anni. Nel 2011, è aumentata fino a 53 anni. Oggi, l’aspettativa di vita è quasi normale se si avvia la terapia antiretrovirale subito dopo il contagio

Poiché la terapia antiretrovirale continua a migliorare in tutto il mondo, si spera che queste statistiche continuino a cambiare.

Scrivi un Commento