Valori di trigliceridi

Valori dei trigliceridi possono causare una serie di problemi di salute. Ad esempio ictus o malattie cardiovascolari. L’esame dei trigliceridi aiuta il medico a valutare il rischio di queste malattie. Vediamo meglio quindi quando preoccuparsi se hai valori di trigliceridi alti e come rimediare per riportare i valori normali.

Ecco i punti principali.

Indice

 

Trigliceridi: valori normali, alti e bassi

I valori di trigliceridi vengono comunemente interpretati in questo modo:

Valori di trigliceridi
Valore in mg/dl* Significato
<50 mg/dl Valore basso
>50 < 150 mg/dl Valori normali
>150 < 199 mg/dl Valori medio-alti (borderline)
>200 > 499 mg/dl Valori alti
>500 mg/dl Valori molto alti

*I valori sono indicati in milligrammo per decilitro.

 

Fonte National Cholesterol Education Program

I valori di riferimento potrebbero variare in base al laboratorio.

valori di trigliceridi - esame dei trigliceridi

 

Interpretazione dei risultati

Valori normali

I valori normali dei trigliceridi sono compresi tra 50 e 150 mg/dl.

 

Trigliceridi alti (ipertrigliceridemia)

Quando sono superiori a 200 mg/dl si parla di valori alti . Se associati ad altri fattori di rischio è già alto un valore > 150 mg/dl.

L’ipertrigliceridemia è spesso associata ad elevati livelli di colesterolo. Questa condizione è nota come iperlipidemia ed aumenta molto il rischio di sviluppare malattie cardiache. Per approfondire: colesterolo e trigliceridi alti

Se hai i valori di trigliceridi alti, le cause possono essere:

  • sovrappeso o obesità (soprattutto)
  • fumo
  • stile di vita sedentario
  • eccessivo consumo di alcol o binge drinking
  • alimentazione / dieta a basso contenuto di proteine ​​e ricca di carboidrati
  • disfunzioni del fegato

Le cause livelli di trigliceridi elevati possono essere anche condizioni mediche, tra cui:

  • diabete (causa principale, soprattutto se non ben controllato)
  • cirrosi epatica
  • fattori genetici
  • iperlipidemia
  • ipotiroidismo
  • sindrome nefrosica o malattie renali
  • pancreatite

Valori estremi (>1000 mg/dl) rappresentano un serio rischio di sviluppare una pancreatite. In tal caso è necessario iniziare subito una terapia per mantenere i livelli sotto controllo.

Leggi anche i consigli per abbassare il valore dei trigliceridi alti

 

Trigliceridi bassi (ipotrigliceridemia)

Valori bassi di trigliceridi nel sangue (<50 mg/dl) non sono di solito un problema. Le cause possono essere:

  • una dieta a basso contenuto di grassi
  • ipertiroidismo
  • sindrome da malassorbimento
  • malnutrizione

esami del colesterolo

L’esame dei trigliceridi

Cos’è l’esame dei Trigliceridi?

L’esame dei trigliceridi misura la quantità di trigliceridi nel sangue. I trigliceridi sono un tipo di grasso (o lipidi) che si trova nel sangue. I risultati del test aiutano il medico a determinare il rischio di sviluppare malattie cardiache. L’esame è anche chiamato trigliceridemia.

Le calorie che il corpo non consuma subito diventano trigliceridi. Questi trigliceridi circolano nel sangue per fornire energia ai muscoli. Se l’organismo assume più calorie del necessario, il livello di trigliceridi può essere alto.

Leggi anche

► I 10 migliori alimenti per abbassare il colesterolo

 

Scopo dell’esame: perché si esegue il test dei trigliceridi?

L’esame dei trigliceridi aiuta a determinare il rischio di sviluppare malattie cardiache. Aiuta a stimare il livello di colesterolo LDL nel sangue. È in grado di determinare infiammazioni nel pancreas. Valuta il rischio di sviluppare forme di aterosclerosi (grasso accumulato nelle arterie) che può aumentare il rischio di avere un attacco di cuore o ictus.

L’esame è inserito negli esami di routine e spesso viene richiesto insieme all’esame di colesterolo totale, colesterolemia LDL e colesterolemia HDL. L’insieme di questi esami si chiama analisi delle lipoproteine o profilo lipidico.

È consigliabile fare l’esame del profilo lipidico ogni 1 o 2 anni come parte degli esami medici di routine.

Dovresti ripetere l’esame più spesso:

– in caso di terapia per abbassare i trigliceridi, per monitorare l’efficacia del trattamento;

– anche con prediabete o diabete, è importante misurare il livello di trigliceridi spesso. Questo perché i trigliceridi aumentano insieme ai livelli di zucchero nel sangue (glicemia).

Anche i bambini possono avere bisogno di questo esame del sangue se hanno rischio di sviluppare malattie cardiache. Ad esempio, bambini in sovrappeso o che hanno una storia familiare di malattie cardiache, diabete o pressione alta. I bambini ad alto rischio di malattie cardiache hanno bisogno di questo esame tra i 2 e i 10 anni di età. I bambini sotto i 2 sono invece troppo piccoli per l’analisi.

Leggi anche

Abbassare il valore dei trigliceridi alti

 

Come si fa l’esame

L’esame si effettua tramite un prelievo di sangue venoso. Quindi con rischio basso.

 

Come prepararsi all’esame

Prima del prelievo: è necessario digiuno per 8 – 12 ore; evitare alcol le 24 ore precedenti, bisognerebbe evitare l’uso di alcuni farmaci MA in accordo col proprio medico.

Il valore dei trigliceridi aumenta notevolmente dopo i pasti quindi è necessario il digiuno nelle ore precedenti. Alcuni farmaci possono influenzare il risultato delle analisi, tra questi betabloccanti, estrogeni, olio di pesce, diuretici, pillola anticoncezionale. È quindi necessario informare il medico e il personale del laboratorio delle terapie farmacologiche in corso.

 

Altri fattori che influenzano i valori di trigliceridi

I valori di trigliceridi possono essere alterati in caso di gravidanza e/o glicemia non controllata in pazienti diabetici.

 

Tempi di svolgimento

Il referto dell’esame è pronto in massimo 24 ore.

Fonti
U.S. Preventive Services Task Force (2008). Screening for lipid disorders in adults. Disponibile online: http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/uspschol.htm. Grundy S, et al. (2002). Third Report of the National Cholesterol Education Program (NCEP) Expert Panel on Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Cholesterol in Adults (Adult Treatment Panel III) (NIH Publication No. 02-5215). Bethesda, MD: National Institutes of Health. Anche disponibile online: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12485966. Miller M, et al. (2011). Triglycerides and cardiovascular disease: A scientific statement from the American Heart Association. Circulation, 123(20): 2292-2333.

Scrivi un Commento