Come gestire e fronteggiare un attacco di Panico i Consigli degli Psicologi

Se soffri di attacchi di panico, sai di cosa stiamo parlando, di quale esperienza spaventosa possa trattarsi, con effetti assai difficili da gestire. Queste crisi tuttavia possono essere gestite e nel corso del tempo anche eliminate definitivamente, è lo scopo di questo articolo, vi guideremo attraverso consigli e suggerimenti per arrivare ad una guarigione completa.

Indice

 

Cos’è e come si manifesta un attacco di panico

Immagina di stare in un qualsiasi luogo, in strada, al lavoro, a casa ed essere improvvisamente sopraffatto da sentimenti di terrore e paura. Il tuo cuore batte all’impazzata, si percepisce un dolore al petto che viene scambiato per infarto, si ha difficoltà a respirare. A questo punto diventi sempre più spaventato mentre inizi a tremare e sudare e hai paura di morire.

Con la stessa rapidità con cui si manifestano questi sintomi, notate che queste sensazioni stanno gradualmente scomparendo. Ma anche quando vi rendete conto che l’attacco di panico è passato, percepite ancora ansia. Ci vuole un po’ per capire cosa sia accaduto mentre il resto della giornata è segnato da un senso di nervosismo e apprensione.

Queste vere e proprie crisi possono avere un impatto emotivo, fisico e cognitivo che può coinvolgervi a lungo dopo che l’attacco è diminuito. Ancora di più, l’ansia si genera nella paura che il panico possa ripresentarsi. Maggiore ansia, maggiore probabilità che il panico si ripresenti, un circolo vizioso che non finisce mai

sottolinea la dottoressa Claudia De Masi che tratta quotidianamente pazienti che soffrono di disturbi di panico con la terapia breve strategica messa punto da Giorgio Nardone e Paul Watzlawick.

 

La definizione esatta:

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-IV-TR) definisce un attacco di panico come un periodo limitato di intensa paura, angoscia, nervosismo o disagio, in cui quattro (o più) dei i seguenti sintomi si sviluppano di colpo e raggiungono un picco entro 10 minuti:

  • Palpitazioni, battito cardiaco accelerato
  • Sudorazione
  • Tremore
  • Sensazioni di mancanza di respiro o soffocamento
  • Dolore al petto spesso scambiato per infarto
  • Nausea o dolore addominale
  • Sensazione di vertigini, instabilità, stordimento o svenimento
  • Derealizzazione (sentimenti di irrealtà) o depersonalizzazione (distacco da sé stessi)
  • Paura di perdere il controllo o impazzire
  • Paura di morire
  • Parestesie (intorpidimento o sensazioni di formicolio)
  • Brividi o vampate di calore

Resta aggiornato su offerte e novità ► Segui la community social.

Cause

Come con la maggior parte delle malattie comportamentali, le cause riferite agli attacchi di panico sono molte. Certamente ci sono prove che la tendenza a soffrirne può essere ereditaria. Tuttavia, vi è anche la prova che il panico può essere una risposta ad un evento o ad una serie di eventi che si manifestano in soggetti sani.

Il disturbo di panico è una diagnosi separata ma correlata agli attacchi di panico. Le persone che subiscono ripetuti attacchi di panico e che soddisfano altri criteri possono essere diagnosticate con questa malattia.

Alcune condizioni mediche, come l’asma e le malattie cardiache, nonché l’uso di alcuni farmaci, come gli steroidi e alcune medicine per l’asma, possono causare attacchi d’ansia come sintomo o effetto collaterale.

La ricerca è incoerente sul fatto che le carenze nutrizionali (ad esempio, carenza di zinco o magnesio) possano essere fattori di rischio per il disturbo di panico. Mentre gli additivi alimentari come l’aspartame, da soli o con coloranti alimentari, sono sospettati di svolgere un ruolo nello sviluppo di attacchi di panico in alcune persone, ciò non è stato comunque confermato da ricerche finora.

 

Una risposta alla sfida dell’emergere dell’età adulta:

chi soffre di attacchi di panico spesso ha vissuto un periodo di stress elevato oppure è passato attraverso una fase di profondi cambiamenti che hanno turbato la propria esistenza. Parliamo di lutti, separazioni, perdite di lavoro, malattie oppure ci si è trovati davanti forti cambiamenti che non erano di per sé negativi – fine della scuola, cambio di impiego di lavoro, matrimonio, un trasloco, comprare /o vendere una casa, avere bambini, ecc. – ma che avevano un effetto stressante cumulativo sulla persona al punto che si è trovata in difficoltà a fargli fronte.

È interessante notare che la maggior parte delle persone che sviluppano attacchi di panico, di solito iniziano a soffrirne intorno ai vent’anni o trent’anni, gli anni in cui si inizia a stabilire una vita indipendente dai propri genitori.

 

Cosa hanno in comune questi fattori:

Perché gli attacchi di panico invadono la vita di una persona? Predisposizione genetica, esperienza della prima infanzia con ansia e rischio di cambiamenti nel diventare un adulto indipendente.

Ciò che questi tre fattori hanno in comune è che nessuno di questi eventi era sotto il proprio controllo. Questi sono tutti eventi evolutivi nella vita che non sono qualcosa che si sarebbe potuto controllare.

Non vi è quindi alcun motivo per sentirsi in colpa, vergognarsi o chiedere scusa per soffrire di questa patologia Non sono il risultato di un vivere male; o di fare scelte sbagliate; o di essere “stupidi” o vigliacchi.

 

Cosa fare durante un attacco di panico

Fermati e respira

Durante un attacco di panico, si può avvertire una difficoltà nella respirazione con possibile dolore al petto. Questa mancanza di respiro potrebbe aver causato la sensazione di non avere abbastanza aria o di provare sensazioni soffocanti. La respirazione forzata contribuisce spesso alla formazione di dolore al petto che è comune con gli attacchi di panico. Il dolore toracico e la difficoltà di respirazione possono essere molto spaventosi, lasciandoti un senso d’ansia tutto il resto della giornata.

Per contrastare la mancanza di respiro indotta dal panico, prova a respirare profondamente. Una volta che noti che i sintomi si stanno attenuando, inizia a respirare lentamente. Fai un respiro profondo, uniforme attraverso il naso. Una volta che hai preso più aria che puoi, trattieni il respiro per un momento o due. Quindi espira gradualmente attraverso la bocca fino a quando non senti l’assenza di aria nei polmoni.

Prova a ripetere questo schema di inalazione lentamente attraverso il naso, trattenendo brevemente il respiro ed espirando lentamente fuori dalla bocca. Praticando esercizi di respirazione profonda durante la giornata, potresti essere in grado di gestire più spesso la tua ansia, portandoti a provare un maggiore senso di calma.

 

Usa la conversazione positiva con te stesso

Gli attacchi di panico possono farti sentire preoccupato, nervoso e spaventato. Quando si verifica l’attacco, potresti avere pensieri terribili riguardo alla perdita di controllo o addirittura ad una morte imminente.

Per superare i pensieri negativi che gli attacchi di panico possono generare, prova ad usare una “conversazione con te stesso” per migliorare il tuo umore e acquisire un senso di controllo. Quando l’attacco di panico sta finendo, ricordati che finirà presto e che non può farti male. Pensa a potenziare i pensieri e le affermazioni, come ripetere in silenzio a te stesso, “Ho il controllo della mia ansia“, “Questo passerà”, “Sono una persona proficua con un sacco di grandi qualità” o “Sono più forte del mio attacchi di panico “.

 

Parla con un amico o con un parente

Se possibile, potrebbe essere utile parlare con un tuo amico o con un parente della tua condizione. Non hai nemmeno bisogno di dirgli che hai appena avuto un attacco di panico. Piuttosto, puoi chiamare la persona che conosci bene solo per una chiacchierata. Potresti scoprire che il semplice parlare con qualcuno di cui ti fidi ti farà sentire meglio man mano che i sintomi di attacco di panico diminuiranno.

Se nessuno è disponibile prova a considerare cosa ti direbbe un amico fidato o un familiare. Pensa a come un amico solidale potrebbe dirti che passerai attraverso l’ansia o che è orgoglioso di te per aver gestito così bene il tuo attacco di panico.

 

Rifocalizzazione su qualcos’altro

Dopo un attacco di panico, i tuoi pensieri e la tua energia personale possono essere eccessivamente focalizzati sulla tua ansia e altri sintomi. Invece di nutrire la tua ansia con più preoccupazione, cerca di concentrarti su qualcosa che ti porti un po’ di felicità o senso di pace. Ad esempio, potresti trovare utile portare la tua consapevolezza a qualcosa di divertente che intendi fare in futuro o ai momenti gioiosi del tuo passato. Se possibile, prova a fare una passeggiata all’aria aperta o ad intraprendere un’attività che ti aiuta a liberare la mente. Lo sport in questi casi aiuta molto.

Scrivi un Commento