Alcolismo – sintomi, effetti e cura

Il termine alcolismo è interpretato in diversi modi: malattia, intossicazione, dipendenza. Per l’enciclopedia Treccani è un “uso patologico di bevande alcoliche con conseguenze mediche e sociali”. In sostanza, alcolismo significa bere troppo, più dei limiti per non rischiare. È comunque chiaro che sia un problema. Problema spesso difficile da ammettere o riconoscere.

In questa guida prendiamo in esame i sintomi, i rischi e le terapie per l’alcolismo.

Indice

 

Panoramica sull’alcolismo

Limite per non rischiare

Il consumo di alcol si misura in unità. Un’unità di alcol è 10 ml di alcol puro, significa circa:

  • Una birra chiara da 330 ml (bottiglia o lattina piccola)
  • Un bicchiere di vino da 125 ml
  • Una dose da bar di superalcolico (40 ml)

Per mantenere basso il rischio dei danni correlati all’alcol, il National Health Service (NHS) raccomanda:

  • Non bere regolarmente più di 14 unità di alcol a settimana
  • Se bevi 14 unità a settimana, è meglio distribuirlo in almeno tre giorni
  • Se stai cercando di bere meno alcol, dovresti fare ogni settimana alcuni giorni senza alcol

Bere regolarmente significa bere alcolici per quasi tutte le settimane. Il rischio per la salute aumenta con l’uso regolare di alcolici.
Resta aggiornato su offerte e novità! Segui la community social!

In breve: rischi ed effetti dell’alcolismo e dell’abuso di alcol

Rischi ed effetti dell’alcolismo e dell’abuso di alcol a breve termine

L’abuso e alcol ha effetti e rischi a breve termine, come:

  • Incidenti e lesioni che richiedono cure ospedaliere, come lesioni alla testa
  • Comportamento violento o essere vittima di violenza
  • Sesso non protetto. Ciò può portare a gravidanze non pianificate o infezioni trasmesse sessualmente
  • Perdita di oggetti personali (portafogli, chiavi o telefono cellulare)
  • Intossicazione da alcol. Può causare vomito, convulsioni, incoscienza e, a volte, coma etilico

Altro problema è dato dal binge drinking: bere molto in un breve periodo di tempo. Il binge drinking aumenta il rischio di comportarsi in modo pericoloso e di avere incidenti.

 

Rischi ed effetti dell’alcolismo e dell’abuso di alcol a lungo termine

L’alcolismo ha effetti e rischi a lungo termine. Aumenta il rischio di gravi condizioni di salute, tra cui:

  • Malattie del cuore
  • Ictus
  • Malattie del fegato
  • Cancro al fegato, cancro intestinale e cancro alla bocca
  • Pancreatite

Oltre ai problemi di salute, l’alcolismo cronico può portare a problemi sociali, come disoccupazione, divorzi o perdita del lavoro.

Se non riesci più a controllare quanto bevi, anche se capisci che è un problema, sei dipendente dall’alcol. È una malattia, come le dipendenze da altre sostanze.

Essere dipendente dall’alcol di solito peggiora la qualità della vita e delle relazioni della persona. Purtroppo, spesso non è facile ammetterlo o accettarlo.

Gli alcolisti spesso possono tollerare quantità enormi di alcol, quantità che possono anche uccidere altre persone.

Un alcolista cronico ha i sintomi di astinenza fisici e psicologici se di colpo smette di bere o riduce le quantità. I sintomi di astinenza dallalcol sono:

  • Tremori alle mani
  • Sudorazione
  • Allucinazioni visive (vedere cose che non ci sono)
  • Depressione
  • Ansia
  • Demenza
  • Insonnia (difficoltà a dormire)

I sintomi li portano spesso a bere, come sollievo per evitare i sintomi di astinenza.

Maggiori informazioni sui rischi dell’abuso di alcol.
esami funzionalità epatica a Vittoria Ragusa

Terapia dell’alcolismo

La terapia varia in base a quanto alcol beve il paziente. Alcune terapie sono:

  • Supporto psico-sociale. Come gruppi di auto-mutuo-aiuto o terapie psicologiche, come la terapia cognitivo comportamentale
  • Farmaci
  • Disintossicazione. Il personale sanitario ti aiuterà a smettere di bere in modo sicuro; ad esempio aiutandoti a ridurre l’uso nel tempo o con farmaci per i sintomi di astinenza

Ci sono due tipi principali di farmaci per smettere di bere. Il primo ferma i sintomi di astinenza, riducendo le dosi in breve tempo. Un esempio è il clordiazepossido (Librium). Il secondo tipo serve ridurre il bisogno di bere, come acamprosato o disulfiram. Questi si assumono ogni giorno per 6 – 12 mesi.

Maggiori informazioni sui farmaci contro l’alcolismo.

 

Sto bevendo troppo alcol? I sintomi dell’alcolismo

Alcuni segnali ti dicono che stai abusando dell’alcol:

  • Senti che dovresti smettere di bere
  • Gli altri ti dicono che bevi troppo
  • Ti senti in colpa o a disagio perché bevi
  • Devi bere alcol al mattino per rilassarti o riprenderti da una sbornia

Qualcuno che conosci potrebbe avere un problema con l’alcol se:

  • Supera il limite giornaliero di 2 unità di alcol
  • A volte dimentica cos’è successo la sera prima perché ha bevuto
  • Non rispetta compiti e impegni a causa dell’alcol, ad esempio, un appuntamento o un lavoro perché sbronzo

Il manuale che classifica i disturbi mentali (DSM V) definisce dipendenza da alcol, l’uso disadattivo di alcol, con almeno due di questi segni per 12 mesi:

  • Forte desiderio di alcol
  • Tolleranza (sopportare grandi quantità)
  • Astinenza (sentire la mancanza)
  • Uso in quantità maggiore o nel corso di più tempo del previsto
  • Desiderio o tentativi inutili di ridurre o limitare l’uso
  • Tanto tempo speso a procurare, usare alcol o riprendersi dopo l’uso
  • Attività sociali, lavorative o ricreative abbandonate o ridotte
  • L’uso continuato nonostante le conseguenze fisiche o psicologiche

 

Smettere di bere e test per valutare l’alcolismo

Se vuoi smettere di bere o aiutare qualcuno a farlo, il primo passo è vedere il medico di famiglia. Ti parlerà dei servizi e trattamenti disponibili.

Con dei test si può valutare la perdita di controllo nell’uso di alcol (diagnosi di alcolismo), alcuni sono:

1. CAGE. È un questionario molto usato per una prima valutazione. Si richiedono accertamenti se il paziente risponde “sì” a due delle quattro domande.

CAGE significa Cut down, Annoyed, Guilt, Eye opener (ovvero ridurre luso, rabbia, senso di colpa, aprire gli occhi).

Al paziente si chiede:

  • Cut Down. Ha mai avvertito la necessità di ridurre l’assunzione di alcol?
  • Annoyed. È mai stato infastidito da persone che hanno criticato la sua eccessiva assunzione di alcolici?
  • Guilt. Si è mai sentito in colpa o a disagio per aver assunto degli alcolici?
  • Eye opener. Ha mai bevuto un bicchiere appena sveglio per combattere l’ansia o eliminare i postumi della sbornia?

Con due risposte positive si richiedono approfondimenti.

2. Alcohol Use Disorders Identification Test AUDIT (PDF). Test molto usato in tutto il mondo. Fatto con domande semplici, aiuta a capire se il consumo di alcol è esagerato

3. Fast Alcohol Screening Test FAST (PDF). Test semplice per verificare se il consumo ha raggiunto livelli pericolosi

4. Esami del sangue

Ad esempio:

  • Il dosaggio del tasso alcolemico nel sangue è il test più usato anche per l’idoneità al lavoro o nei concorsi. Indica le quantità assunte nelle ultime ore.
  • L’esame gamma-GT e le transaminasi AST e ALT alte possono indicare un problema di alcolismo o un problema al fegato
  • Il volume corpuscolare medio (MCV) è una parte dell’esame di emocromo. I globuli rossi più grandi (Macrocitosi) possono indicare alcolismo.
  • La transferrina desialata (o transferrina carboidrato carente o CDT) è uno dei test più affidabili al momento nella diagnosi e nell’identificare le recidive.

Oltre al servizio sanitario nazionale, ci sono enti, associazioni e gruppi di sostegno in tutto il mondo per dare aiuto a persone con problemi di alcol.

Ad esempio, potresti contattare:

 

Leggi anche:

 

Alcol, gravidanza e fertilità

Il Ministero della Salute raccomanda che le donne incinte e le donne che cercano di rimanere incinte non devono bere alcolici.

Bere in gravidanza può causare danni al bambino, e più bevi più il rischio aumenta.

Riguardo alcol e fertilità vale lo stesso discorso. Molti medici raccomandano di non bere alcolici per evitare rischi per il bambino, se sei incinta o stai pianificando una gravidanza.

Se stai cercando di concepire, anche il tuo partner non dovrebbe bere non più di 14 unità di alcol a settimana, da distribuire in tre o più giorni. Bere troppo alcol può influenzare la qualità dello sperma.

alcolismo terapia

Rischi ed effetti dell’alcol

L’alcol è una sostanza che può avere vari effetti negativi su quasi ogni parte del tuo corpo, anche cervello, ossa e cuore. Gli effetti dell’alcol e i rischi associati possono essere sia a breve che a lungo termine.

 

Rischi ed effetti dell’alcol a breve termine

Gli effetti dell’alcol descritti di seguito valgono se tu hai una normale tolleranza all’alcol.

Gli alcolisti cronici hanno maggiore tolleranza all’alcol: possono bere molto di più senza avvertire effetti.

 

1-2 unità (come una birra in bottiglia o due bicchieri di vino)

Dopo aver bevuto 1-2 unità di alcol, aumenta il battito cardiaco e si espandono i vasi sanguigni, facendoti sentire socievole, accaldato e loquace.

 

4-6 unità

Raggiunte le 4-6 unità, l’alcol, colpisce il cervello e il sistema nervoso. Colpisce la parte del cervello associata al giudizio e al processo decisionale, facendoti sentire spericolato e disinibito.

L’alcol altera anche il sistema nervoso: rende la testa leggera e peggiora i riflessi e il coordinamento.

 

8-9 unità

Dopo aver bevuto 8-9 unità di alcol, i riflessi saranno molto più lenti. Anche il linguaggio peggiora e la vista è sfocata.

Il fegato, che filtra l’alcol, non potrà eliminare tutto l’alcol durante la notte, quindi è probabile che ti sveglierai male.

 

10-12 unità

Dopo aver bevuto 10-12 unità di alcol, non riuscirai a coordinarti, hai altro rischio di avere un incidente. L’eccesso di alcol ha effetto negativo sia sulla mente che sul corpo, ciò ti rende assonnato.

Questa quantità di alcol ha livelli quasi tossici (velenosi). Il corpo tenta di eliminare subito l’alcol con le urine. Ciò ti farà disidratato al mattino, con forte mal di testa.

Ha questi livelli puoi avere effetti dell’alcol nell’intestino e nella digestione, con sintomi come nausea, vomito e diarrea.

alcolismo effetti

Più di 12 unità

Se bevi più di 12 unità di alcol, rischi un intossicazione da alcol, soprattutto bevendo molte unità in poco tempo.

Di solito, il fegato impiega circa un’ora a smaltire un’unità di alcol dal corpo.

L’intossicazione da alcol si verifica quando troppo alcol altera le funzioni automatiche del corpo, come:

  • Respirazione
  • Frequenza cardiaca
  • Riflesso del vomito, che ti impedisce di soffocare

L’avvelenamento da alcol può causare coma etilico, nei casi peggiori morte.

 

Altri rischi ed effetti dell’alcol nel breve termine

Altri rischi ed effetti dell’alcol in eccesso sono:

  • Incidenti e infortuni. Si stima che circa 1 incidente su 4 è causato dall’alcol
  • Violenza e comportamento antisociale. Negli USA l’86% di omicidi avvengono dopo l’abuso di alcol
  • Rapporti non sicuri. Ciò può causare gravidanze non pianificate e infezioni sessualmente trasmissibili
  • Perdita di oggetti personali. Molte persone perdono oggetti personali, come portafoglio o telefono cellulare, quando sono ubriachi
  • Assenze dal lavoro o dallo studio. Ciò mette a rischio il tuo lavoro o i tuoi studi

esami funzionalità epatica a Vittoria Ragusa

Rischi ed effetti dell’alcol a lungo termine

A lungo termine, i danni dell’alcol colpiscono molti organi del corpo. Gli organi più colpiti dagli effetti dell’alcol a lungo termine sono cervello e sistema nervoso, cuore, fegato e pancreas.

L’abuso di alcol aumenta anche la pressione sanguigna e il colesterolo nel sangue, aumentando il rischio di infarti, ictus e altre malattie del cuore.

L’alcolismo indebolisce il sistema immunitario, rendendoti più esposto a infezioni gravi. Può anche indebolire le ossa, mettendoti a rischio di fratture.

Ricapitolando, ci sono molti danni dellalcol in eccesso:

  • Alta pressione sanguigna
  • Ictus
  • Pancreatite
  • Malattie del fegato
  • Cancro al fegato
  • Cancro alla bocca
  • Tumori di testa e collo
  • Cancro al seno
  • Tumore all’intestino
  • Depressione
  • Demenza
  • Disfunzioni sessuali, come infertilità, impotenza o eiaculazione precoce

Inoltre, l’alcol ha effetti sociali e relazionali. Ad esempio, può portare a:

  • Divorzi e problemi di coppia / famiglia
  • Abusi domestici
  • Disoccupazione
  • Problemi finanziari

check up esami marcatori tumorali

Intossicazione da alcol: cosa fare

I segni di intossicazione da alcol sono:

  • Confusione
  • Convulsioni
  • Incoscienza
  • Pelle fredda
  • Pelle pallida
  • Respiro affannato
  • Vomito

Chiama un’ambulanza al 118 se sospetti un’intossicazione da alcol. Non cercare di far vomitare la persona perché potrebbe soffocarsi. Per evitare di soffocarsi, fallo girato su un lato e metti un cuscino sotto la testa.

Se la persona perde conoscenza, non lasciarla dormire. I livelli di alcol nel sangue possono salire per 30-40 minuti dopo l’ultima bevanda e i sintomi possono peggiorare.

 

Terapia per l’alcolismo

La terapia per l’alcolismo dipende dalla gravità della dipendenza. Varia anche se l’obiettivo è bere meno o di smettere del tutto. A seguire vedrai come curare l’alcolismo nel modo migliore, le varie terapie e i farmaci contro l’alcol.

 

Terapia breve

Se sei preoccupato per l’uso di alcol potresti fare una terapia breve.

Un breve intervento dura pochi incontri combinati tra colloqui informativi e motivazionali. Il personale sanitario ti mostrerà i rischi associati all’alcol, consigli su come smettere di bere, centri di supporto per problemi emotivi e di consumo legati all’alcol. È bene fare un “diario del bere” per controllare quanto bevuto ogni settimana. Potresti anche ricevere consigli su come bere in gruppo, come alternare bevande analcoliche e alcoliche quando sei con gli amici.

 

Moderarsi o smettere?

Moderarsi e smettere di bere sono opzioni di terapia per l’alcolismo se:

  • Bevi più del limite in cui inizia il rischio per la salute (14 unità a settimana)
  • Hai problemi di salute causati dall’alcol
  • Non sai stare senza alcol (dipendenza dall’alcol)

Smettere di bere alcol è la cosa migliore per la salute. Tuttavia, riuscire a moderarsi è spesso un obiettivo più realistico, o almeno il primo passo verso l’astinenza.

Devi scegliere tu, ma in alcuni casi l’astinenza è raccomandata, ad esempio se:

  • Hai problemi al fegato, come malattie del fegato o cirrosi
  • Hai altri problemi medici, come malattie cardiache, che peggiorano bevendo
  • Usi farmaci da non prendere con l’alcol, come gli antipsicotici
  • Sei in gravidanza o vuoi rimanere incinta

L’astinenza è anche consigliata se non sei riuscito a moderarti.

Se scegli di moderarti, farai vari colloqui per valutare i tuoi progressi. Possono essere consigliate altre terapie per l’alcolismo se necessario.

Dovrai anche fare regolari esami del sangue per controllare la salute del fegato.
Resta aggiornato su offerte e novità! Segui la community social!

Disintossicazione dall’alcol e sintomi di astinenza

Se sei dipendente, dovresti vedere un medico per gestire la cura.

I farmaci contro l’alcol possono aiutare a smettere. Puoi anche seguire gruppi di auto-aiuto o usare una terapia psicologica come la terapia cognitivo comportamentale.

 

Dove si svolge la disintossicazione dall’alcol e come combattere l’astinenza

Il tipo di disintossicazione dipende dal livello di dipendenza dall’alcol. Nei casi lievi, puoi disintossicarti a casa senza farmaci, in quanto anche i sintomi da astinenza dovrebbero essere lievi.

Se consumi molto alcol (più di 20 unità al giorno) o hai sintomi di astinenza, potresti disintossicarsi anche a casa con farmaci per la disintossicazione che alleviano i sintomi di astinenza. Spesso per i sintomi si usa un calmante, chiamato clordiazepossido (benzodiazepine).

Se la tua dipendenza è grave, i sintomi di astinenza saranno forti. Puoi dover andare in ospedale o in una clinica per disintossicarti, con cure specialistiche.

 

Sintomi di astinenza dall’alcol

I sintomi di astinenza saranno peggiori nelle prime 48 ore. Dovrebbero iniziare a migliorare quando il corpo si adatta a stare senza alcol. Di solito ci vogliono da tre a sette giorni dall’ultimo bicchiere.

I sintomi di astinenza dallalcol sono:

  • Sonno disturbato (insonnia). Potresti svegliarti più volte durante la notte o avere problemi ad addormentarti. Questo è normale. I tuoi ritmi del sonno dovrebbero tornare normali in un mese.
  • Disidratazione. Durante la disintossicazione, bevi molti liquidi (circa tre litri al giorno). Tuttavia, evita bevande contenenti caffeina, incluso tè o caffè, perché possono peggiorare i problemi di sonno e causare ansia. Acqua o succo di frutta sono la scelta migliore.
  • Potresti avere mancanza di appetito. Cerca di mangiare comunque, anche se non hai fame. L’appetito tornerà col tempo.
  • Non guidare se prendi farmaci per i sintomi da astinenza. Dovresti anche farti aiutare ad azionare macchinari pesanti al lavoro. Il farmaco può dare sonnolenza: leggi le istruzioni d’uso.
  • Disintossicarsi dall’alcol può dare stress. Per alleviare lo stress puoi leggere, ascoltare musica, fare una passeggiata o un bagno caldo.

Se ti stai disintossicando a casa, fai colloqui con un operatore sanitario per monitorare i progressi. Ti dirà quali altri supporti puoi usare, se necessari.

Smettere di bere è il primo passo per superare i problemi dell’alcol. Tuttavia, da solo non basta. Cure e supporti ti serviranno a non ricominciare.
Resta aggiornato su offerte e novità! Segui la community social!

Farmaci per l’alcolismo

Ci sono vari farmaci contro l’alcolismo raccomandati dall’Istituto nazionale per la salute e l’eccellenza di cura (NICE). Questi includono:

  • Acamprosato
  • Disulfiram
  • Naltrexone
  • Nalmefene

Vediamoli nel dettaglio.

Prima di usare uno di questi farmaci, vedi un medico e fai esami del sangue.

offerte e check-up medici del laboratorio analisi

Acamprosato

L’acamprosato (nome commerciale Campral®) previene le ricadute a chi ha smesso di bere. Di solito si usa insieme alla terapia psicologica per ridurre il desiderio di alcol.

Acamprosato agisce modificando i livelli di una sostanza nel cervello chiamata acido gamma-amminobutirrico (GABA). Si ritiene sia il GABA sia responsabile del desiderio di alcol.

Se ti viene prescritto l’acamprosato, la terapia di solito inizia appena smetti di bere e dura circa sei mesi.

 

Disulfiram

Disulfiram (nome commerciale Antabuse® o Etiltox®) può essere usato se stai cercando di smettere, ma temi ricadute o le hai avute in passato.

Il disulfiram blocca la voglia bere causando sintomi fastidiosi se bevi alcolici. Ad esempio:

  • Bassa pressione sanguigna
  • Dolore al petto
  • Nausea
  • Vertigini
  • Vomito

Oltre alle bevande alcoliche, devi evitare tutte le fonti di alcol perché possono causare i sintomi. I prodotti che possono contenere alcol sono:

  • Alcuni tipi di aceto
  • Collutorio
  • Dopobarba
  • Profumo

Evita anche sostanze che rilasciano fumi alcolici (diluenti per vernici e solventi).

Fino a una settimana dopo la terapia, il disulfiram può avere sintomi spiacevoli. Quindi non bere in questo periodo.

Durante la terapia di disulfiram, sarai monitorato dai sanitari.

 

Naltrexone

Il Naltrexone previene ricadute è può limitare la quantità di alcol che il paziente beve.

Blocca delle sostanze chimiche che danno gli effetti dell’alcol. Di solito è usato con altre medicine o psicoterapia.

Il naltrexone, può avere effetti indesiderati. Se li provoca, bisogna interrompere subito il farmaco e chiedere consiglio al medico.

Un ciclo di naltrexone può durare fino a sei mesi, a volte anche di più.

 

Nalmefene

Nalmefene (marchio Selincro®) serve a prevenire ricadute o limitare voglia di alcol.

Come il naltrexone, bocca sostanze in corpo per ridurre il desiderio di alcol.

Il nalmefene è utile se:

  • Bevi ancora più di 7,5 unità al giorno (per gli uomini) o più di 5 unità al giorno (per le donne)
  • Non hai sintomi di astinenza
  • Non devi smettere di bere subito o del tutto

Usa nalmefene solo insieme al supporto psicologico e per evitare ricadute.

 

Altre terapie per l’alcolismo

Terapia psicologica e psicoterapia

Anche la terapia psicologica o la psicoterapia sono un valido aiuto per smettere di bere. Ad esempio, la terapia cognitivo comportamentale è un approccio per risolvere del problema dell’alcolismo.

Questo approccio fa rivalutare convinzioni sbagliate (disfunzionali) che alimentano la dipendenza da alcol, ad esempio:

  • “Non posso rilassarmi senza alcol”
  • “Annoio i miei amici se sono sobrio”
  • “Bere solo una birra non fa male”

Una volta identificati questi pensieri e credenze, sarai aiutato a rivedere questi pensieri in modo diverso, ad esempio:

  • “Molte persone si divertono senza alcol, e posso farlo anch’io”
  • “Con i miei amici mi diverto anche senza bere”
  • “So che è difficile smettere di bere”

La terapia psicologia ti aiuta anche a capire le possibili cause del consumo di alcol, come:

  • Stress
  • Ansia sociale
  • Ambienti “a rischio”, come pub o ristoranti

La terapia ti aiuta ad evitare certi eventi scatenanti e far fronte a quelli inevitabili.

 

Terapia familiare

La dipendenza da alcol non è un problema solo per l’individuo, ma può esserlo per l’intera famiglia. La terapia familiare è utile alla famiglia per:

  • Conoscere le cause della dipendenza da alcol
  • Sostenere il familiare con problemi di etilismo

Il supporto può servire anche ai membri della famiglia. Vivere con qualcuno che abusa di alcol può essere stressante, quindi può servire la terapia.

Esistono vari servizi specializzati in terapia familiare e alcolismo per aiutare parenti e amici del paziente.

Ad esempio, Al-Anon aiuta e supporta parenti e amici. Il numero di telefono dell’assistenza è 800 087 897.

 

Gruppi di auto-aiuto

Molte persone con problemi di alcolismo frequentano con successo gruppi di auto-aiuto, come Alcolisti Anonimi.

Secondo Alcolisti Anonimi (AA), la dipendenza da alcol è una malattia a lungo termine e l’astinenza totale è la migliore scelta.

Il programma di trattamento di AA per aiutarti a superare la tua dipendenza si basa su 12 fasi.

Nelle fasi si punta ad ammettere di essere impotente di fronte all’alcol e ammettere di star sbagliando.

 

Diario del bere

Se vuoi ridurre il consumo, ti potrebbe essere chiesto di fare un “diario del bere”.

Ogni giorno, scrivi:

  • Tutte le bevande alcoliche che bevi
  • Quando le hai bevute
  • Dov’eri
  • Quante ne hai bevute

Puoi usare un’applicazione per calcolare le unità di alcol per risolvere il problema.

Il diario ti darà un’idea di quanto stai bevendo, le situazioni in cui bevi e come potresti iniziare a ridurre.

Scrivi un Commento