I sintomi banali che non dovresti ignorare

Spesso il corpo ci manda segnali che consideriamo normali per abitudine. La maggior parte dei dolori non è segno di qualcosa di serio, ma alcuni sintomi dovrebbero essere controllati. Consulta un dottore se hai uno di questi “sintomi banali”:

 

6 sintomi banali che devi smettere di ignorare:

sintomi banali

1 Debolezza a braccia e gambe

Se hai braccia, viso o gambe deboli o insensibili, sembrano sintomi banali. Può essere sintomo di ictus, specialmente se è in un solo lato del corpo.

Potresti anche avere un ictus se ti manca l’equilibrio, hai le vertigini problemi a camminare.

Chiedi subito aiuto se improvvisamente non vedi bene, hai mal di testa, ti senti confuso o non riesci a parlare o capire bene.

Non aspettare di vedere il tuo dottore. Chiama subito il 118 o il 112. Se ricevi un farmaco coagulante entro 4 ore dal primo sintomo, riduci i rischi di invalidità permanente da ictus.

Resta aggiornato su offerte e novità!

Segui la community social!

2 Dolore al petto

Se si tratta di dolore al petto, prevenire è meglio che curare.

Il dolore al petto, specie con sudorazione, nausea o respiro affannoso, dovrebbe essere valutato subito da un medico.

Dolore o pressione al torace possono essere un segno di malattia cardiaca o di infarto, in particolare se li senti durante uno sforzo. Il dolore al petto può significare anche un problema diverso; ad esempio, un’altra grave condizione, come un coagulo di sangue al polmone.

Se senti il petto pesante o hai male, e dura più di qualche minuto o va e torna di nuovo, cerca aiuto. Non provare a risolverlo.

Vedi l’offerta:

offerta check up esami per il cuore a Vittoria RG

3 Tensione e dolore nella parte posteriore del polpaccio

Può essere sintomo di un coagulo di sangue nella gamba. Si chiama trombosi venosa profonda, o TVP. Può succedere dopo che sei rimasto seduto a lungo, come in un lungo viaggio aereo, o se sei malato a letto da molto tempo.

Se si tratta di un coagulo di sangue, avrai dolore soprattutto quando sei in ​​piedi o cammini. Puoi anche notare gonfiore. La gamba è di solito rossa e tesa e sarà più grande dell’altra.

È normale provare sensibilità dopo l’esercizio. Ma se vedi anche rossore, gonfiore e senti ​​dolore, chiama il medico.

Per la conferma, puoi controllare il cosiddetto segno di Homans. Fletti le dita del piede verso l’alto, se fa male, può essere un grumo di sangue. Ma non solo: se è caldo, rosso e gonfio su un lato, vai al pronto soccorso.

È importante trattare subito un coagulo di sangue: può rompersi e bloccare il flusso sanguigno, quindi portare complicazioni.

 

4 Sangue nelle urine

Diverse condizioni causano sangue nelle urine.

Se hai sangue nell’urina e senti anche dolore al fianco o alla schiena, potresti avere calcoli renali. Il calcolo renale è un piccolo cristallo di minerali e sali che si forma nel rene e si muove nelle vie urinarie.

Il medico può chiedere una radiografia o un’ecografia per vederli. La radiografia utilizza basse radiazioni per dare immagini dell’interno del corpo. Un’ecografia crea invece le immagini con onde sonore.

I calcoli renali possono uscire dal corpo mentre urini. Può essere molto doloroso. A volte bisogna rimuovere il calcolo renale.

Se hai sangue nelle urine e anche un aumento del bisogno di urinare, o sentirti bruciare quando urini, potresti avere un problema renale o uninfezione delle vie urinarie. Non aspettare di vedere il tuo medico, soprattutto se hai la febbre.

Se vedi del sangue ma non senti alcun dolore, potrebbe essere un segno di cancro ai reni o alla vescica, quindi senti il medico.

Fa’ attenzione:

anche ciò che mangi può rendere le urine di colore rosso, rosa o marrone. Per capire se si tratta di sangue il medico ti dirà di fare l’esame di ematuria (sangue nell’urina).

5 Respiro affannoso

I problemi respiratori dovrebbero essere controllati subito. Se respiri a fatica o senti rumori quando respiri, chiama il medico.

È giusto fare subito una diagnosi, perché la cura può diventare difficile.

Può essere asma, una malattia polmonare, un’allergia o l’esposizione a sostanze nocive. Il medico può capire la causa e come trattarla. Se soffri di asma allergico, un allergologo o un pneumologo (specialista dei polmoni) possono curarlo.

Anche polmonite o bronchite causano il respiro sibilante (rumoroso). Tossisci muco giallo o verde? Hai anche la febbre o ti manca il respiro? Se è così, potresti avere una bronchite che sta diventando polmonite. È ora di vedere il medico.

6 Pensieri suicidi

Se ti senti senza speranza o pensi di non avere motivi per vivere, chiedi aiuto. Parlare con un professionista può aiutarti a superare la crisi.

Vai al pronto soccorso dell’ospedale o in un ambulatorio o ospedale psichiatrico. Un medico o un professionista della salute mentale può prendersi cura di te e farti superare questo momento difficile in totale riservatezza.

È inoltre possibile chiamare le linee di supporto e prevenzione dei suicidi:

per minori il Telefono Azzurro al numero 19696

negli altri casi al Telefono Amico al 199284284

Sono gratuiti e disponibili 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Ti risponderà un esperto di cui puoi fidarti. Non ti giudicherà. Ti sentirai sicuro di condividere le tue preoccupazioni.

 

Fa’ attenzione a questi sintomi banali

Adesso non vorrei preoccuparti. In ogni caso segui uno stile di vita sano e questi sintomi banali difficilmente si presenteranno, come anche queste malattie. Da ora in poi, comunque, sarai più consapevole dei segnali che il corpo ti manda. Pensi che sia utile?

Ecco allora cosa fare.

►Segui la community del laboratorio analisi sui social network e resta aggiornato su offerte e novità per il tuo benessere.

Scrivi un Commento