Sodio basso (iposodiemia)

Debolezza, stanchezza, nausea e mal di testa possono diventare molto fastidiosi. La causa può essere il sodio basso nel sangue (anche detto iponatriemia o iposodiemia). Capire bene i sintomi, i rimedi e le cause della carenza di sodio ti aiuta quindi a prevenirlo e curarlo. Vediamo brevemente le cose principali da sapere sul sodio basso.

 

Cosa significa avere il sodio basso nel sangue?

La carenza di sodio nel sangue è anche chiamata iponatria o iponatriemia. Il sodio è un elettrolita essenziale che aiuta a mantenere l’equilibrio di acqua dentro e fuori le cellule. Il sodio è importante per una corretta funzionalità muscolare e nervosa. Contribuisce inoltre a mantenere i livelli di pressione sanguigna stabili.

Si ha il sodio basso nel sangue quando acqua e sodio non sono in equilibrio (c’è troppo acqua o poco sodio) .

Normalmente il livello del sodio dovrebbe essere tra 135 e 150 milliequivalenti per litro (mEq / L o millimoli per litro mmol/L). La sodiemia bassa si verifica se il livello del sodio scende sotto i 135 mEq/L.

sodio basso - ipernatriemia - iposodiemia

Iponatriemia: sintomi

L’iposodiemia ha sintomi che variano da persona a persona. Se i livelli scendono lentamente, possono non esserci sintomi. Se i livelli di sodio si abbassano velocemente, invece, il sodio basso ha sintomi più seri. I sintomi peggiorano anche se i livelli di sodio si abbassano molto sotto la soglia di mEq / L.

Perdere rapidamente sodio diventa un’emergenza medica. Può causare perdita di coscienza, convulsioni e coma.

 

Sintomi di iposodiemia più comuni

I sintomi del sodio basso più comuni sono:

  • debolezza
  • stanchezza o astenia
  • mal di testa
  • nausea e vomito
  • crampi o spasmi muscolari
  • confusione
  • irritabilità

 

La carenza di sodio cosa provoca?

Se i livelli diventano molto più bassi di 135 mmol/L il rischio diventa maggiore. Possono presentarsi gravi sintomi di carenza di sodio, come:

  • perdita di coscienza
  • convulsioni
  • coma
  • atassia (poco equilibrio)
  • epilessia

Il sodio basso ha conseguenze che possono portare a condizioni mediche problematiche. Un calo rapido di sodio è un’urgenza medica che può portare in casi gravi anche alla morte.

 

Iponatriemia: cause principali

L’iposodiemia ha cause di vario tipo. Molti fattori possono concorrere ad essere cause del sodio basso nel sangue. Principalmente i livelli di sodio possono diventare bassi se il corpo perde troppa acqua ed elettroliti. Può anche essere sintomo di altre condizioni mediche. Le cause della mancanza di sodio sono:

  • Vomito o diarrea
  • Uso di alcuni farmaci (antidepressivi, antidolorifici e diuretici)
  • Bere troppa acqua durante lo sport (molto raro)
  • Disidratazione
  • Problemi renali
  • Malattie del fegato
  • Problemi cardiaci, come insufficienza cardiaca congestizia
  • Disturbi della ghiandola surrenale, come la malattia di Addison, che influenza l’equilibrio di sodio, potassio e acqua nel corpo
  • Ipotiroidismo (inattività della tiroide)
  • Polidipsia primaria, una condizione che ti fa bere molto
  • Uso di ecstasy
  • Diabete insipidus
  • Sindrome di Cushing (raramente)

Le cause possono essere varie. Il medico può prescrivere un esame di approfondimento. Il risultato di questo esame aiuterà il medico a stabilire la causa dell’iponatremia.

 

Chi è a rischio di sodio basso nel sangue?

Alcuni fattori aumentano il rischio di avere iponatremia, tra cui:

  • Vecchiaia
  • Uso di diuretici
  • Uso di antidepressivi
  • Fare sport ad alti livelli
  • Vivere in un clima caldo
  • Fare una dieta a basso contenuto di sodio
  • Alcune malattie: insufficienza cardiaca, malattie renali, sindrome da inappropriata secrezione di ADH (SIADH) e altre malattie aumentano il rischio

Se sei a rischio di sodio basso, potrebbe essere necessario assumere elettroliti e acqua.

iposodiemia sintomi sodio basso

Diagnosi: esami per il sodio basso nel sangue

La diagnosi di iponatriemia si fa con il dosaggio dei livelli di sodio nel sangue: un’analisi del sangue per misurare i bassi livelli di sodio. Anche se non si verificano sintomi di sodio basso nel sangue, il medico può richiedere un pannello metabolico di base. Questo controlla le quantità di elettroliti e minerali nel sangue. Il pannello metabolico di base è spesso parte di un esame di routine. Può identificare una mancanza di sodio nel sangue anche senza sintomi. L’esame può anche essere prescritto se il paziente presenta i sintomi dell’iponatriemia.

L’esame è usato per sapere se il valore di sodio nel sangue non è normale cioè se il paziente soffre di iponatriemia (valori bassi) o ipernatriemia (valori alti).

Se i livelli sono anormali, il medico può prescrivere un esame di urina per controllare la quantità di sodio nell’urina. I risultati di questo test aiutano quindi il medico a chiarire le cause del basso contenuto di sodio nel sangue.

Se i livelli di sodio nel sangue sono bassi, ma i livelli di urina sono elevati, significa che il corpo perde troppo sodio. Bassi livelli di sodio sia nel sangue che nelle urine vuol dire che il corpo non assume abbastanza sodio o che si assume troppa acqua.

Terapia per bassi livelli di sodio nel sangue

La terapia per il sodio basso nel sangue varia in base alla causa. Alcune sono:

  • Ridurre l’assunzione di liquidi
  • Regolare il dosaggio di diuretici
  • Uso di farmaci per i sintomi quali: mal di testa, nausea e convulsioni
  • Trattare le cause sottostanti
  • Flebo di sodio

Per l’iposodiemia, la terapia può essere accompagnata con una dieta che integri le carenze di sodio. Quindi bere bevande sportive (Gatorade e Powerade) dopo lo sport e mangiare frutta, verdura e legumi. Eventualmente mangiare anche formaggi e salumi (contengono tanto sodio ma anche elevate quantità di grassi saturi: nocivi).

 

Prevenire il sodio basso nel sangue

Mantenere in equilibrio i livelli di acqua ed elettroliti può aiutare a prevenire il sodio basso nel sangue. Se fai sport, è molto importante bere la giusta quantità di acqua durante l’esercizio fisico.

Se sei un atleta, dovresti anche considerare di bere una bevanda sportiva reidratante (isotonica) come Gatorade o Powerade. Queste bevande contengono sali minerali, compreso il sodio, e quindi aiutano a reintegrare quelli persi con la sudorazione. Queste bevande sono utili anche dopo vomito o diarrea.

In genere, le donne dovrebbero bere 2,2 litri di liquidi al giorno. Gli invece uomini devono puntare a 3 litri. Quando sei idratato nel modo giusto, l’urina sarà giallo pallido o chiara e non avrai sete.

È importante aumentare l’assunzione di liquidi se:

  • C’è caldo
  • Sei ad alta quota
  • Hai vomito o diarrea
  • Sei incinta o allatti (per evitare sodio basso in gravidanza)
  • Hai febbre

In questi casi bevi almeno 1 litro d’acqua all’ora.

 

Altri disturbi dell’elettrolito: ipernatriemia

Il sodio alto (ipernatriemia o ipernatria) di solito è raro. Si verifica quando bevi poco o se il meccanismo che regola la sete è compromesso. È più raramente causata dal diabete insipidus. Si verifica quando il livello di sodio sierico supera 150 mEq / L. L’ipernatria può causare:

  • eccitabilità neuromuscolare
  • iperreflessia (riflessi marcati)
  • confusione
  • convulsioni
  • coma

Hai letto:
Sodio basso (iposodiemia)
ultima modifica: 18/09/2017
da Dr. D’Errico Angelo, medico specialista in igiene e medicina preventiva

Commenti

  1. Rocky 03/11/2017
    • Dr. Angelo D'Errico 06/11/2017

Scrivi un Commento